Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit. Johnson al Telegraph, ”Via da Ue ora o mai più”

Il sindaco conservatore di Londra Boris Johnson afferma che il referendum è l'occasione della vita per avere un "cambiamento vero" nelle relazioni tra Londra e l'Europa, quel cambiamento che evidentemente -dice - con l'intesa strappata sabato a Bruxelles da David Cameron non è affatto sufficiente a produrre.

GB, LONDRA – Il sindaco conservatore di Londra Boris Johnson afferma che il referendum è l’occasione della vita per avere un “cambiamento vero” nelle relazioni tra Londra e l’Europa, quel cambiamento che evidentemente -dice – con l’intesa strappata sabato a Bruxelles da David Cameron non è affatto sufficiente a produrre.

Johnson è l’uomo del giorno all’indomani dell’annuncio della data – il 23 giugno – in cui il Regno Unito deciderà con un referendum se stare dentro o fuori dall’Ue e illustra così, nero su bianco, le proprie ragioni. Dopo aver tenuto a lungo la suspense, si è schierato per la Brexit e contro il primo ministro Cameron, suo leader di partito.

E si spiega in un articolo pubblicato con grande evidenza dal Telegraph, il cui titolo non ammette repliche: “Perché la Gran Bretagna deve dire no all’Ue”. Il biondo, eccentrico e carismatico Johnson sostiene che “la chance per un cambio reale c’è una volta nella vita”. “Questa – insiste – è la sola opportunità che avremo mai”. E aggiunge: “C’è un unico modo di ottenere il cambiamento vero di cui abbiamo bisogno, tutta la storia dell’Ue dimostra che loro stanno a sentire un popolo soltanto quando dice No”.