Blitz quotidiano
powered by aruba

Germania. Candidato Afd indagato per vendita svastiche naziste

GERMANIA, BERLINO – Un candidato di punta regionale del partito populista tedesco Afd e’ indagato perche’ vende svastiche e altri reperti nazisti nel suo negozio di antiquariato. Lo riferiscono media tedeschi. L’indagato e’ Rolf Mueller, candidato numero uno dell’Alternativa per la Germania (Afd) nel Saarland, la regione occidentale dove si votera’ il 26 marzo aprendo in una tornata elettorale di primavera con altre due consultazioni a maggio, precisa il sito del settimanale Die Zeit.

La procura di Saarbruecken indaga per uso di simboli di organizzazioni incostituzionali, in pratica il commercio di decorazioni naziste con svastiche e il cosiddetto “denaro del lager” banconote create per gli internati del campo di concentramento di Theresienstadt. Mueller sostiene di non aver commesso alcun reato e che il commercio di queste memorabilia soprattutto ad americani e francesi rappresenta solo una minima parte della sua attivita’.

La vendita di simili oggetti non e’ proibita, scrive la Zeit, ricordando pero’ il divieto, previsto dall’articolo 86 del Codice Penale tedesco, di mostrare svastiche o diffonderle. Si apprende inoltre che un neoeletto al parlamento regionale di Berlino per l’Afd, Kay Nerstheimer, ha rinunciato a far parte del gruppo del partito a causa della sua passata appartenenza a una formazione di estrema destra islamofoba, la “German Defence League”. Lo riferisce l’agenzia Dpa citando fonti dell’Afd.