Blitz quotidiano
powered by aruba

Abusa di quindicenne, arrestato per un messaggio in segreteria

LONDRA – “Togliti di dosso, mi stai violentando! Smettila!” è il drammatico messaggio che una ragazza di 15 anni, ha lasciato nella segreteria telefonica di una sua amica.  Ed è stato proprio quel messaggio ad assicurare lo stupratore alla giustizia.  Kyler Paterson, 21 anni, nell’aprile del 2015 ha aggredito l’adolescente mentre camminava in Dysart Road a Kirkcaldy, Scozia, e l’ha violentata.

Alla Corte Suprema di Edimburgo, è stato reso noto il momento in cui la ragazza lascia lo straziante messaggio all’amica ma Paterson ha negato di averla aggredita .
Dopo la violenza, la giovane vittima ha trovato il coraggio di denunciare l’episodio alla polizia; gli investigatori hanno recuperato il messaggio e sono stati così in grado di mettere in piedi un caso contro Paterson.

L’uomo, che è stato riconosciuto colpevole di stupro, secondo la ricostruzione dei fatti, si è avventato sulla ragazza ma nel corso della violenza lei ha avuto la prontezza di comporre il primo numero della rubrica del suo cellullare. L’amica non ha però risposto ed è partita la segreteria.

Nonostante l’Sos accorato della ragazza, Paterson ha continuato ad abusare della giovane e nel corso del processo, il suo legale Ian Paterson, ha dichiarato che si trattava di “ consenziente”.

Quando il PM, Ross Macfarlane, ha chiesto all’accusato perché non si fosse fermato alla richiesta di smetterla da parte dell’adolescente, Paterson ha risposto con un evasivo:”Non ricordo cosa stava dicendo. Non ricordo quando mi ha chiesto di smettere”.
Paterson, che ha precedenti penali, è ora detenuto in custodia cautelare e il mese prossimo sarà giudicato dal Tribunale di Paisley.


TAG: