Blitz quotidiano
powered by aruba

Arcivescovo Canterbury ospita rifugiati siriani a Londra

CANTERBURY – Justin Welby, l’arcivescovo di Canterbury massima autorità della Chiesa anglicana, ha ospitato una famiglia di rifugiati siriani nel Lambeth Palace a Londra; è il primo sponsor di un nuovo ampio progetto della Gran Bretagna che prevede di offrire alloggio, ma non solo, a chi arriva dalla Siria.

La famiglia vive in un cottage, residenza di Welby, dopo che la Chiesa ha accettato di ospitarli e finanziare una parte dei costi iniziali per la nuova vita in Gran Bretagna. L’arcivescovo e il suo staff, aiuteranno i rifugiati a imparare l’inglese, conoscere il posto, offrire consigli su come usare i mezzi pubblici e registrarsi all’ufficio di collocamento.

Come detto, è il primo sponsor di un nuovo progetto che vede chiese, enti di beneficenza, gruppi religiosi e imprese fornire alloggio e sostegno ai rifugiati che dalla Siria, altri paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, arrivano in Gran Bretagna, come previsto dal programma di reinsediamento. Le organizzazioni potranno offrire abitazioni per i rifugiati e aiutarli a integrarsi nel tessuto sociale del Regno Unito, organizzare l’accesso ai servizi sanitari, sociali e lezioni di lingua inglese.

La ministra dell’Interno, Amber Rudd, ha affermato di aver incontrato la famiglia ospite a Lambeth Palace, che comprende anche bambini da quattro a dieci anni i quali hanno affermato che da grandi vorranno diventare medici.

La Rudd ha detto: “La risposta degli inglesi alla crisi dei rifiugiati, è stata di incredibile generosità e in molti si sono dati da fare per offrire assistenza”. “Si tratta di un programma innovativo per il reinsediamento del Regno Unito e incoraggio senza riserve le organizzazioni che possono contribuire e offrire il loro sostegno”.

L’arcivescovo di Canterbury ha affermato:”I rifugiati, come tutte le persone, sono esseri umani preziosi, creati a immagine di Dio, che meritano la sicurezza, la libertà e l’opportunità di prosperare”.

“E’ un enorme privilegio accogliere una famiglia in un cottage nel parco di Lambeth Palace”.

Il progetto si basa su un modello canadese di successo in cui persone o gruppi si assumono la responsabilità delle famiglie dei rifugiati per un anno, trovando loro una casa e la scuola.
Tutti i rifugiati reinsediati in Gran Bretagna, passeranno attraverso un procedimento di verifica approfondita per la sicurezza.

Nel settembre 2015, il governo inglese si è impegnato a reinsediare 20.000 profughi siriani. Le ultime statistiche pubblicate, mostrano che oltre 1.800 siriani sono stati finora accolti nel Regno Unito.

Più di 160 autorità locali hanno firmato per accogliere i rifugiati tramite il programma, su base volontaria. Inoltre, i ministri si sono impegnati ad accettare fino a 3.000 bambini e familiari vulnerabili, dal Medio Oriente e Nord Africa.