Blitz quotidiano
powered by aruba

Terrorismo, arrestato uomo a Parigi: piani attacco imminente

PARIGI – La polizia francese ha arrestato un uomo ad Argenteuil, banlieue nord di Parigi, nel corso di una massiccia operazione antiterrorismo. Il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve, ha annunciato che l’uomo, di nazionalità francese, “stava preparando un attentato” in Francia e il progetto era “ad uno stadio avanzato”.

Le indagini sull’uomo erano in corso da alcune settimane ma le autorità non hanno messo il caso in diretta connessione con gli attentati di novembre né con l’attacco a Bruxelles. “Nessun elemento tangibile”, ha precisato Cazeneuve, consente di collegare questo progetto agli attentati di Bruxelles e Parigi.

Abitazioni evacuate, strade chiuse alla circolazione: ad Argenteuil, nella periferia di Parigi, è tornata a farsi sentire la paura. Gli abitanti di un palazzo del centro di Argenteuil sono stati evacuati già nel tardo pomeriggio. Una cinquantina di persone in tutto, famiglie con bambini, sono state riunite davanti a un edificio vicino. Verso le 22.00, gli artificieri hanno chiesto la completa evacuazione della zona e gli accessi sono stati bloccati a 200 metri dal luogo del blitz.

L’operazione è durata diverse ore. Prima è scattato l’arresto dell’uomo, poi una serie di perquisizioni nel centro di Argenteuil, nell’abitazione dell’individuo fermato, presunto terrorista ai vertici di un’organizzazione sulla quale al momento non sono stati forniti particolari.

Perquisito tutto il condominio e il garage, con l’aiuto di cani antiesplosivo. In zona, insieme con gli artificieri, sono confluiti diversi camion e blindati della polizia. “Questa operazione – ha spiegato Cazeneuve alle 22:30 nel cortile del ministero dell’Interno – fa seguito a un arresto importante compiuto in mattinata”. Un arresto, ha precisato il ministro, “che ha consentito di sventare un progetto di attentato in Francia che era ormai ad uno stadio avanzato”.

Dell’uomo arrestato si sa soltanto che è di nazionalità francese. E’ sospettato di essere “coinvolto ad un livello alto in questo progetto. Si muoveva ai vertici di un’organizzazione terroristica che progettava di colpire il nostro Paese”, ha precisato Cazeneuve.

Il ministro ha sottolineato che “l’operazione è stata frutto di un’inchiesta minuziosa condotta da diverse settimane, nella quale sono stati mobilitati importanti mezzi di sorveglianza fisica e tecnica, oltre a una stretta e costante cooperazione fra i servizi europei”. Secondo l’emittente iTelé, l’uomo fermato era ben noto ai servizi di informazione e sarebbe stato già condannato all’estero per i suoi legami con organizzazioni terroristiche.

Le indagini sono state condotte dai servizi diretti da un giudice istruttore della procura antiterrorismo. Cazeneuve ha tenuto a ricordare che “75 persone collegate ad attività terroristiche sono state fermate in Francia dall’inizio del 2016. Fra loro, 37 sono state denunciate e 28 arrestate”.

[VIDEO] Perquisition et opération de déminage dans cet immeuble d’Argenteuil pic.twitter.com/awnmrK4KkH