Blitz quotidiano
powered by aruba

Attentati Bruxelles e non solo: cronologia Belgio da 2011

BRUXELLES – Dal 2011, il Belgio, considerato ormai uno snodo cruciale delle attività degli jihadisti in Europa, ha conosciuto diversi eventi drammatici collegati al terrorismo. Eccone una cronologia a ritroso.

22 marzo 2016: attentati all’aeroporto di Zaventem e alla stazione metro di Maelbeek. Decine di morti e feriti, Bruxelles militarizzata.

18 marzo 2016: Salah Abdeslam, presunta mente degli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi, viene arrestato nel quartiere brussellese di Molenbeek, dopo una sparatoria.

21-26 novembre 2015: l’intera Bruxelles viene posta in stato di massima allerta per “minaccia seria ed imminente” di un attentato, poco dopo le stragi di Parigi. Scuole e trasporti pubblici vengono chiusi, l’esercito pattuglia le strade cittadine.

15 gennaio 2015: una cellula terroristica viene smantellata dalle forze di sicurezza a Verviers, nell’est del Paese. Due terroristi vengono uccisi nell’operazione, al termine della quale la polizia trova armi e materiali utili alla fabbricazione di esplosivi.

24 maggio 2014: Medhi Nemmouche spara ed uccide quattro persone al Museo ebraico di Bruxelles.

13 dicembre 2011: Nordine Amrani, 33 anni, apre il fuoco in strada a Liegi usando diverse armi: muoiono cinque persone, 125 restano ferite. Prima di allora, il Paese aveva conosciuto l’ultimo attentato nel 1981, quando un attacco dinamitardo aveva colpito una sinagoga ad Anversa, causando tre morti e una sessantina di feriti.

Immagine 1 di 50
  • evacuazione_metro_bruxelles (7)
Immagine 1 di 50