Cronaca Europa

Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate

  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate01
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate04
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate03
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate02
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate01
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate04
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate03
  • Attentato Londra, Ignacio Echeverria non si trova: difese una donna col suo skate02

MADRID – A tre giorni dall’attentato di Londra, non si hanno ancora notizie di Ignacio Echeverria, lo spagnolo di 39 anni che armato del suo skateboard aveva affrontato uno dei terroristi per difendere una donna. E nell’incertezza, con l’ansia e il dolore, cresce anche la collera dei familiari verso le autorità britanniche che non hanno ancora reso nota l’identità di tutte e sette le vittime.

Fonti della famiglia hanno detto che si sentono “maltrattate per la mancanza di informazioni, che provoca una agonia ingiustificata”. “Sono passate 63 ore, e ancora non abbiamo notizie”. Nessuno sa se Ignacio, dipendente di una banca britannica, sia vivo o meno, o se invece il suo nome sia nella tragica lista dei morti.

Si hanno più informazioni sui terroristi responsabili della strage che sulle vittime, osserva il quotidiano El Confidencial. E non è bastato l’intervento del ministro degli esteri spagnolo, Alfredo Dastis, che ha chiesto al collega britannico, Boris Johnson, di accelerare il processo di identificazione delle vittime.

To Top