Cronaca Europa

Attentato Manchester, arrestata una donna vicina al kamikaze

Attentato Manchester, arrestata una donna vicina al kamikaze

Attentato Manchester, arrestata una donna vicina al kamikaze

ROMA – Una donna è stata arrestata durante un blitz a Manchester da parte delle forze dell’antiterrorismo dopo l’attacco del kamikaze al concerto di Ariana Grande. La caccia ai complici del kamikaze Salman El Abedi continua e il nuovo arresto nella città inglese arriva dopo che sono finiti in manette il Libia il padre e il fratello, che ha confessato che entrambi avevano aderito all’Isis. L’obiettivo infatti è individuare colui che ha costruito la bomba, un ordigno che sembrerebbe più complesso di quelli usati in altri attentati.

Secondo l’emittente Itv, l’arresto è frutto di una operazione armata della polizia locale e di unità antiterrorismo, in un quartiere di torri residenziali a nord della città. Testimoni hanno sentito una forte esplosione, mentre la polizia penetrava in serata in una palazzina di Northland Road a Blackley.

Uno degli abitanti del quartiere, Chris Barlow, ha detto di aver parlato con uno degli agenti dell’unità antiterrorismo, secondo cui la polizia ha fatto saltare per aria la porta di uno degli appartamenti e ha portato via un paio di persone. Secondo fonti della polizia di Manchester

“c’è stata una perquisizione e una donna è stata arrestata in relazione all’inchiesta sull’incidente all’Arena di Manchester”.

To Top