Cronaca Europa

Attentato Manchester, italiani tra le vittime della bomba? Verifiche di Farnesina e ambasciata

Attentato Manchester, italiani tra le vittime della bomba? Verifiche di Farnesina e ambasciata

Attentato Manchester, italiani tra le vittime della bomba? Verifiche di Farnesina e ambasciata (foto Ansa)

MANCHESTER – Non si sa se c’erano italiani a Manchester nell’attentato terroristico al concerto di Ariana Grande. L’Unità di crisi della Farnesina e l’Ambasciata d’Italia a Londra sono in stretto contatto con le autorità inglesi per verificare l’eventuale presenza di italiani e prestare ogni possibile assistenza ai connazionali presenti nel Regno Unito in relazione all’esplosione avvenuta alla Manchester Arena.

“L’Italia si unisce al popolo e al governo britannici. I nostri pensieri alle vittime dell’attacco di #Manchester e alle loro famiglie”. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

“Cordoglio e dolore per quanto accaduto a Manchester. Siamo vicini al popolo britannico, al Governo, ai feriti e alle famiglie delle vittime”: lo ha scritto in un tweet il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

Nell’attacco terroristico, il più grande avvenuto sul suolo della Gran Bretagna da quello di Londra del 2005, sono morte più di 20 persone (per la maggior parte bambini e teen ager) e ne sono rimaste ferite oltre 50. Secondo le prime notizie che arrivano dalla polizia inglese, a compiere il folle gesto sarebbe stato un kamikaze mentre l’oggetto usato per colpire sarebbe stata una bomba artigianale piena di chiodi.

To Top