Blitz quotidiano
powered by aruba

Autista musulmano ferma scuolabus per preghiera: genitori protestano e…

LONDRA – L’autista è musulmano, ferma il pulmino con a bordo 50 alunni e docenti, scende dal veicolo, si lava i piedi, stende il tappetino e inizia a pregare.  Un gesto fortemente criticato dai genitori dei ragazzi: era un’ora di punta, la strada era molto trafficata e dunque a rischio incidenti ma all’autista sembra non interessasse molto.

Studenti e docenti sono rimasti a bordo in attesa per dieci minuti, anche se erano a un solo km e mezzo circa di distanza dalla destinazione a Southsea, in Hampshire. Alcuni leader musulmani hanno deplorato il gesto, affermando che avrebbe dovuto aspettare mentre i genitori affermano che il devoto autista ha messo in pericolo la vita dei ragazzi e che il rischio di un incidente era dietro l’angolo. Gli alunni, della Meon Junior School, stavano tornando da una gita scolastica a Londra.

Alba Barker, mamma di un alunno afferma:”Ci volevano solo due minuti per raggiungere la scuola. Avrebbe potuto anche aspettare”. Holly Sharpe, altra mamma, va oltre e dice che in futuro non permetterà ai figli di andare in gita scolastica da soli.

Sumel Chowdhury, attivista della comunità musulmana, spiega che le preghiere “vengono fatte tradizionalmente cinque volte al giorno ma sono “flessibili”. “Quando se ne salta una, si può pregare anche una o due ore dopo”. La società di pullman Vision Travel si è scusata e detto che l’autista è stato ammonito.