Blitz quotidiano
powered by aruba

Bataclan riapre ma vieta ingresso agli Eagles of Death Metal

PARIGI – Il Bataclan un anno dopo gli attentati di Parigi ma la direzione del locale ha rifiutato di far entrare due dei componenti degli Eagles of Death Metal che volevano assistere al concerto di Sting. “Sono venuti ma li ho mandati via. Ci sono cose non si perdonano”, ha detto il direttore della Sala concerti Jules Frutos, citato dalla stampa francese. A inizio marzo, ancora segnato dal massacro, il frontman del gruppo aveva detto che a suo avviso l’attacco era stato preparato dall’interno della sala esprimendo sospetti nei confronti del servizio di sicurezza.

Stasera abbiamo due compiti: onorare i morti e ricominciare a vivere. Non li dimenticheremo”: alle 21 Sting sale sul palco del Bataclan. Parlando in francese chiede al pubblico di osservare un minuto di silenzio, straziante, a cui segue subito la musica. ‘Fragile’, ‘Message in a Bottle’, fino a ‘Roxane’ e tanti altri successi. Per circa un’ora e mezza carica di emozione, fino alle 22:40, l”Englishman in New York’ ha scatenato Parigi. Dopo un anno di silenzio il Bataclan è tornato a cantare.

Tra i 1.500 spettatori c’è anche Aurélien, un cuoco francese di 25 anni, che ha deciso di tornare nel luogo in cui ha perso il suo migliore amico. E nel quale lui si è salvato per miracolo nascondendosi dietro al bancone del bar. “Essere qui è un dovere”, afferma lui, che per almeno venti minuti fece il morto, sdraiandosi a terra tra i fusti di birra. “Voi non potete immaginare che cosa sia stato”. Nonostante la ristrutturazione ad Aurélien tutto “sembra identico. Vi giuro era proprio così non è cambiato nulla”, insiste sfiorando quello stesso comptoir che gli ha salvato la vita prima di lanciarsi verso l’uscita di sicurezza. Ne uscirà illeso, ad altri è andata peggio. Sui 130 innocenti barbaramente uccisi tra i locali del centro di Parigi e lo Stadio di Saint-Denis qui ne vennero trucidati novanta. E tanti tra familiari e superstiti hanno voluto esserci sabato sera.