Blitz quotidiano
powered by aruba

Bimba di 4 anni morta, la madre l’ aveva drogata per stare con l’ amante

ROMA – Una bambina di quattro anni è morta dopo che la madre le ha fatto ingerire un cocktail di farmaci “perché voleva fare sess0 senza essere disturbata”, secondo quanto accertato dalla Corte di Hull, in Regno Unito.

Come racconta il Mirror, John Rytting, 40 anni, e Michala Pyke, 37, avrebbero drogato la piccola Poppy Widdison con un miscela di ketamina, metadone e valium. Pillole che alla piccola sarebbero state spacciate come cioccolatini Smarties. Dopo di che la mamma avrebbe mandato un messaggio al suo amante: “Le ho dato gli Smartie blu [diazepam] e ora può andare a dormire lol xxx”, nel tentativo di sbarazzarsi di sua figlia “scomoda”, hanno spiegato i giudici in tribunale.

La piccola è morta il 10 giugno 2013, presso l’Ospedale pediatrico di Sheffield per un arresto cardiaco, ma le circostanze del decesso restano ancora inspiegabili.

Nei mesi dopo la tragedia, gli inquirenti hanno accertato la presenza di cinque farmaci, tra cui eroina e benzodiazepine, nel corpicino della piccola. I poliziotti hanno fatto irruzione nell’abitazione della madre a Grimsby, e hanno trovato la droga accanto al divano vicino a dove Poppy dormiva.

“La vittima era vista dalla madre come una sorta di fastidio o di ingombro perché la coppia preferiva andare avanti con la loro vita amorosa e godere della reciproca compagnia” ha detto il procuratore David Gordon.

Circostanze che emergono palesi dalla conversazione che la donna aveva avuto col compagno:

“Ho preso una bottiglia di vino. Ho speso anche 4 sterline per comprare la purple sourz (un cocktail nel quale avrebbe sciolto i farmaci, ndr)”.

In un altro messaggio Michala scriveva a Ritting:

“Ho preso gli smarties blu, quelli che le piacciono” con riferimento al diazepam (valium).

Entrambi hanno ammesso la sola accusa contro la bambina, mentre hanno negato le imputazioni relativi al maltrattamenti e alla sua presunta esposizione ai medicinali citati.


TAG: