Cronaca Europa

Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale…

  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...01
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...02
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...3
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...4
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...05
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...01
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...02
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...3
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...4
  • Blackout Ripper come Jack lo Squartatore: a Londra durante Seconda Guerra Mondiale...05

LONDRA – Questa è la terrificante storia di Blackout Ripper, al secolo Gordon Cummings, un pilota inglese della Raf, che 75 anni fa, in piena seconda guerra mondiale e sotto i bombardamenti a Londra, nell’arco di cinque giorni stuPrò, strangolò con sadismo quattro donne, mutilò loro gli organi genitali con un apriscatole e una lametta.

Gli omicidi e la caccia a Cumming, ora sono descritti in un libro di Simon Reads, intitolato “In the dark”. Per raccontare la storia dell’assassino l’autore si è basato sui fascicoli del caso di Scotland Yard.

Era una fredda di domenica quando Evelyn Hamilton, affascinante e intelligente chimica di rimettersi in viaggio verso Grimsby e iniziare il nuovo lavoro da farmacista, in cui sperava di trovare un po’ di sicurezza. Lasciò la sua valigia alla pensione di Marylebone, andò a cena ma non tornò mai indietro.

Il lunedì seguente, 9 febbraio, 1942, fu trovata nei pressi di un rifugio antiaereo: era stata probabilmente strangolata, aveva la gonna strappata, il seno scoperto e le mutandine calate. Il movente s******e, fu detto, era evidente.

Il giorno dopo, in un appartamento di Londra, fu ritrovava morta un’altra donna: Evelyn Oatley, 35 anni. Strangolata, la gola tagliata, i genitali mutilati con orripilante brutalità usando una torcia, una lametta, un apriscatole e pinze per capelli.

Gli omicidi, a 48 ore l’uno dall’altro, erano dello stesso sadico assassino? L’ispettore capo Edward Greeno, di Scotland Yard della Squadra Omicidi, pensava che fosse probabile. In entrambi i casi, il killer era mancino ma chi era? Poteva colpire di nuovo?

I londinesi ancora scossi per il blitz della Luftwaffe che aveva distrutto la città e tante vite, ora erano terrorizzati da un diverso tipo di assassino che per sei giorni aveva colpito nel buio, massacrato di notte, con una ferocia sadica e una follia omicida mai vista, al punto che fu soprannominato “Blackout Ripper”.

“Era dal 1888, dai tempi di Jack lo Squartatore, che Londra non viveva un tale momento di terrore”, ha affermato il sovrintendente capo Fred Cherrill, uno dei detective più famosi di Scotland Yard e pioniere del Dipartimento impronte digitali.

Evelyn Oatley, una bionda formosa, era un’attrice, sposata con un agricoltore del Lancashire ma lo aveva lasciato per seguire il sogno di diventare attrice nel West End. Un po’ perché non aveva denaro e un po’ perché non le piaceva dormire da sola al buio quando le sirene iniziavano a suonare, iniziò a frequentare uomini più grandi, meno esigenti, meno inclini alla violenza. Ma quella notte del 9 febbraio, catturò l’attenzione di un bell’uomo giovane e decise di fare un’eccezione. Camminarono per le strade buie rovinate dalle bombe, si ritrovarono nel monolocale della donna che morì strangolata come le altre vittime.

Gordon Frederick Cummins, 28 anni, prima di diventare un pilota lavorava a terra all’Air Crew Receiving Centre in Regent’s Park e aveva colpito i suoi superiori per l’efficienza e lo zelo.
Era popolare, anche se alcuni lo ritenevano pretenzioso: affermava di essere l’onorevole Gordon Cummins, figlio illegittimo di un nobile. Le sue affermazioni, avevano portato i colleghi a chiamarlo “il Duca”.

Si vantava delle sue conquiste s******i: pur avendo una moglie giovane che l’adorava, Marjorie, andava a letto con parecchie donne. L’ispettore capo Greeno era sicuro che un uomo con tali appetiti avrebbe colpito di nuovo se la polizia non l’avesse catturato velocemente.
Nella notte del 9 febbraio, Cummins andò a Soho in compagnia del cadetto Felix Sampson che a un certo punto, avendo conquistato Molly, si allontanò. Cummins scelse Laura Denmark ma, forse perché ubriaco, quella volta fallì il colpo, non riuscì a ucciderla. Non pago, si diresse verso Piccadilly, vide la bionda Evelyn Oatley, e su lei scatenò la sua furia sadica.

A distanza di 24 ore, il “Duca, scelse un’altra vittima: Margaret Lowe, chiamata dalle colleghe p********e “The Lady” poiché indossava sempre una pelliccia e aveva un’aria raffinata.
La Lowe, vedova e madre di una ragazza di 15 anni, si recò con Cummins nel suo appartamento: ancora una volta, nessuno sentì nulla quando venne uccisa e mutilata.

La notte del 12 febbraio, Cummins offrì da bere a una bella donna, Mary Heywood, 32 anni, nota anche come Greta. L’aveva notata in un ristorante di Piccadilly dove lei stava aspettando il suo ragazzo. Lui le offrì 30 sterline (mille di quelle attuali) ma lei rispose che non era “quel tipo di donna”. Cummins la accompagnò fuori dal ristorante, la spinse in un portone, la baciò e cercò di violentarla. Al rifiuto di Mary, iniziò a stringere le mani sulla gola ma un guardiano notturno, passando, lo fermò.

Cummins fuggì ma nella fretta, fece cadere il suo respiratore con il numero RAF 525987.
Non pago, la stessa notte continuò la sua folle e sadica ricerca e incontrò Catherine Mulcahy, una p********a. Tentò di strangolarla ma lei, andata a letto con gli stivali, riuscì a dare un calcio sullo stomaco a Cummins, allertando i vicini con le grida. Furioso, si recò a Paddington dove incontrò Doris Jouannet, una casalinga annoiata che strangolò con la calza di seta e la squartò con una lametta.

I detective riuscirono ad arrivare a Cummins attraverso il numero del respiratore e altri oggetti delle vittime che furono ritrovati nella sua abitazione, le impronte digitali fecero il resto.
Il suo processo fu breve, riguardava solo l’omicidio di Evelyn Oatley, e la giuria lo dichiarò colpevole; il 28 aprile fu condannato a morte. Cummins continuò a dichiarsi innocente, la famiglia tentò di fare appello ma fu impiccato il 25 giugno 1942, nel carcere di Wandsworth nel corso di un raid aereo.

Cummins rimane un grottesco enigma: la sua violenza ha rivaleggiato con Jack lo Squartatore ma mentre questi è famoso per aver ucciso cinque donne in tre mesi, Cummins ne ha uccise quattro in cinque notti, e avrebbe strangolato e mutilato le altre due donne se non fosse stato interrotto. Tuttavia, a causa della guerra, e il fatto che fu catturato in fretta, né i suoi crimini, né le sue vittime hanno ricevuto il livello di attenzione degli omicidi compiuti dal predecessore vittoriano.

To Top