Blitz quotidiano
powered by aruba

Attacco bomba a Dresda: ordigni davanti a moschea e centro congressi

DRESDA – Due forti boati, poi il fumo e le fiamme. Due attacchi bomba sono avvenuti nella tarda serata del 26 settembre a Dresda, in Germania. L’obiettivo delle esplosioni sono stati una moschea e un centro internazionale di congressi. Le bombe erano ordigni artigianali che hanno danneggiato gli edifici, ma non hanno provocato feriti o vittime. Il movente di questo attentato sarebbe la xenofobia secondo le autorità, dato che l’episodio si è verificato durante la festa dell’unità tedesca e tenendo conto dei crescenti fenomeni di violenza xenofoba registrati in Sassonia.

La polizia tedesca ha riferito che le due esplosioni a Dresda non hanno causato vittime, ma le autorità hanno comunque innalzato l’allerta davanti a tutte le moschee della città. Horst Kretschmar ha dichiarato:

“Anche se non abbiamo una confessione scritta, dobbiamo concludere che ci sia la xenofobia a fare da movente. Si pensa anche a un legame con la festa dell’unità tedesca”.

Quest’anno, le celebrazioni per l’unificazione verranno festeggiate a Dresda nel fine settimana con le massime autorità dello Stato. Tutta la Sassonia è teatro di crescenti fenomeni di violenza a sfondo xenofobo.

(Foto Twitter/Laura Schneider)

Immagine 1 di 4
  • Attacco bomba a Dresda: ordigni davanti a moschea e centro congressi
Immagine 1 di 4