Blitz quotidiano
powered by aruba

Bombe nel Corano e nei frigoriferi: orrori targati Isis

LONDRA – L’ISIS ha escogitato un nuovo modo per nascondere le bombe-trappola e, dopo le bambole esplosive posizionate sui cigli delle strade per attirare i più piccoli, stavolta l’idea è stata quella di mettere gli ordigni dentro ad alcune copie del Corano, riporta il Daily Mail.

Alcuni ufficiali americani hanno riferito che le copie del testo sacro della religione islamica vengono sparse per le strade di Ramadi, in Iraq, in attesa che qualcuno le raccolga. Solitamente sono nascoste in cespugli o erba alta, basta aprirne una sola per saltare in aria in pochi secondi.

Sembra che un’altra tecnica utilizzata sia quella di posizionare gli ordigni dentro a dei frigoriferi. Durante una conferenza stampa al Foreign Office di Londra, il colonnello americano Steve Warren ha confermato le strategie utilizzate. L’uso del Corano come ordigno è stato avvertito come uno shock, dato il rigido atteggiamento del gruppo terroristico verso quelle che sono le leggi della Sharia, come riporta il Sun.

“Queste persone sono orribili. Mettono bombe nel Corano per attirare le persone lungo le strade, ma ne abbiamo trovate alcune anche dentro ai frigoriferi” ha spiegato il colonnello Warren.
Nonostante l’ISIS sia stata spinta fuori dalle città di Fallujah e Ramadi, l’arma irachena , insieme con le forze curde, deve ancora far fronte a centinaia di ordigni nascosti dentro agli edifici.