Cronaca Europa

Bruxelles. Fratelli Bakraoui puntavano le centrali nucleari

Bruxelles. Fratelli Bakraoui puntavano le centrali nucleari

Bruxelles. Fratelli Bakraoui puntavano le centrali nucleari

BRUXELLES – I fratelli El Bakraoui, Khalid e Ibrahim, volevano colpire le centrali nucleari del Belgio, ma l’arresto dell’attentatore di Parigi, Salah Abdeslam, ha fatto accelerare e cambiare i piani dei terroristi. Lo rivela, in esclusiva, La Dernière Heure. Secondo quanto scrive il quotidiano, i due fratelli avevano nascosto una macchina fotografica davanti alla casa del direttore del programma di ricerca nucleare.

Il video è stato recuperato dai due uomini dopo gli attacchi di Parigi e questo, sottolinea il giornale, mostra il collegamento tra Francia, Belgio e Siria.  Il filmato di 12 ore è stato poi recuperato in una successiva perquisizione a dicembre, in occasione dell’arresto di uno dei sospetti attentatori di Parigi, Mohamed Bakkali.

Laachraoui, l’artificiere Isis da Parigi a Bruxelles. Il nome di Najim Laachraoui può essere cancellato dalla black list dei terroristi più ricercati d’Europa. Il belga di 24 anni indicato come l’artificiere degli attentati di Parigi è morto suicida: si è fatto saltare in aria a Bruxelles. Gli inquirenti lo hanno identificato tramite il suo Dna come il secondo kamikaze dell’aeroporto di Zaventem.

San raffaele

Appena due giorni fa la Procura belga aveva spiccato un mandato di arresto a suo nome: le sue tracce erano state trovate sia nei covi sia, soprattutto, su almeno due cinture esplosive, quella utilizzata dall’uomo bomba Ismael Mostefai al Bataclan e quella dell’altro kamikaze con falso passaporto siriano allo Stade de France.

Colui che fino a pochi giorni fa si nascondeva dietro al falso nome di Soufiane Kayal fu uno dei primi a lasciare Bruxelles per la Siria. Era il febbraio del 2013. A nulla servirà l’esempio del fratello Mourad, campione belga di Taekwondo, medaglia d’oro al 13/o open di Tel Aviv. Il ragazzo di Schaerbeek sprofonda nella dottrina di morte dei fondamentalisti del Califfo.

To Top