Cronaca Europa

Charlie Gard non morirà a casa. I genitori accettano un hospice per malati terminali

Charlie Gard non morirà a casa. I genitori accettano un hospice per malati terminali

Charlie Gard non morirà a casa. I genitori accettano un hospice per malati terminali

LONDRA – Il piccolo Charlie Gard non morirà né in ospedale né a casa sua: i suoi ultimi giorni di vita, prima che venga staccato il respiratore li trascorrerà in un hospice, un centro assistito per malati terminali.

La decisione è arrivata nella serata di mercoledì 26 luglio, al termine di un’altra seduta fiume presso l’Alta Corte di Londra in cui il Great Ormond Street Hospital (Gosh), dov’è ricoverato Charlie, e i genitori del piccolo, Connie Yates e Chris Gard, non hanno saputo trovare un accordo. Al termine, il giudice Nicholas Francis ha battuto il martelletto e ha dato un ultimatum per giovedì alle 12 (le 13 in Italia): di fronte ad una nuova fumata nera procederà d’ufficio a ordinare il trasferimento di Charlie in un hospice, il cui nome dovrà restare segreto.

Una soluzione che alla fine – ha fatto trapelare nel corso del pomeriggio l’avvocato dei Gard, Grant Armstrong – è stata accettata dai coniugi. Una svolta alla quale continua ad opporsi l’ospedale, ma resa possibile quando un medico specialista dello stesso Great Ormond Street Hospital si è offerto di assistere il piccolo nei suoi ultimi giorni insieme a diversi infermieri dello stesso istituto.

Oggi in aula i legali delle due parti hanno ribadito le loro ragioni: da un lato l’ospedale a sostenere che le uniche cure che accompagnino Charlie alla inevitabile morte debbano essere somministrate solo nelle sue strutture, con un respiratore che non può essere trasportato altrove, dall’altra i genitori a chiedere che Charlie possa trascorrere le sue ultime giornate a casa, circondato dall’affetto della famiglia e in “tranquillità”.

Di fatto l’intera vicenda ha subito una triste accelerazione negli ultimi giorni, quando Connie e Chris sono stati costretti ad accettare l’inevitabilità della morte del loro piccolo. “E’ tempo che vada e che stia con gli angeli”, hanno detto solo due giorni fa, dopo che è caduta la possibilità ventilata nelle scorse settimane, di un suo trasferimento negli Usa per essere sottoposto a cure sperimentali.

Cure ormai diventate inutili perché troppo tardive, come ha commentato anche un esperto del Bambino Gesù di Roma. In ogni caso, si è ora arrivati alle battute finali di una vicenda che ha commosso il mondo e ha diviso le coscienze. Charlie morirà in un ospedale, di quelli nei quali si entra ma non si esce e il finale sarà ancora più amaro. Perché il piccolo smetterà di respirare quasi certamente poco prima del suo primo compleanno, che cade il 4 agosto prossimo.

 

To Top