Blitz quotidiano
powered by aruba

Crema autoabbronzante, reazione allergica: finisce in ospedale

LONDRA – Compra una crema autoabbronzante ma ha una reazione allergica terribile, sente dei dolori al petto e finisce in ospedale. Poteva persino andare peggio a Lucy Flower, una ragazza inglese di 25 anni il cui unico desiderio era di cancellare quel colore bianco cadaverico sulla sua pelle per avere un po’ di colorito come se fosse stata al mare.

Così ha deciso di applicare sul suo corpo una crema autoabbronzante. Questi prodotti, spiega il sito Caffeina, 

contengono sostanze che colorano la pelle reagendo con le proteine dell’epidermide e che quindi non influenzano la produzione di melanina. Il colorante più usato è il diidrossiacetone (Dha). Negli ultimi anni ad alcuni prodotti sono state aggiunte altre sostanze come la tirosina, un amminoacido che sembrerebbe favorire la produzione di melanina. Ma queste sostanze sono sicure?

Il Dha non risulta avere effetti tossici. Almeno fino ad ora. Ci sono però molti dubbi sugli effetti a lungo termine dei prodotti che contengono Dha e tirosina.

Lucy Flower si è sentita male proprio dopo essersi spruzzata sul corpo proprio dell’autoabbronzante. Sono bastati pochi secondi perché iniziasse a sentire dolori al petto e gravi difficoltà respiratorie, tanto da dover essere trasportata d’urgenza all’ospedale.

“Appena ho iniziato a sentire i primi fastidi, ha raccontato la ragazza, mi sono subito lavata gambe e viso. Poco dopo, però, mi sono resa conto che dovevo andare in ospedale immediatamente”.

Lucy è rimasta in ospedale per per quattro giorni. Dalle analisi eseguite in laboratorio si è scoperto che lo spray conteneva un agente aggressivo che se inalato può causare allergie e choc anafilattico. Secondo i medici Lucy è stata molto fortunata perché ha seriamente  rischiato la vita. L’azienda produttrice della crema ha parlato di “episodio isolato” ma ha deciso di ritirare il prodotto dal mercato in via precauzionale.


PER SAPERNE DI PIU'