Blitz quotidiano
powered by aruba

Ferie, Corte Ue: vanno pagate sempre, anche se non godute

ROMA – “Un lavoratore che ponga fine egli stesso al proprio rapporto di lavoro ha diritto a un’indennità finanziaria se non ha potuto usufruire di una parte o della totalità delle ferie annuali retribuite”: lo ha stabilito oggi la Corte di Giustizia Ue che si è pronunciata sul caso di un dipendente pubblico austriaco il quale si è visto rifiutare l’indennizzo per la vacanza dal lavoro non goduta.

Secondo la Corte, la direttiva 2003/88 “prevede che ogni lavoratore debba beneficiare di ferie annuali retribuite di almeno quattro settimane e che il diritto alle ferie annuali retribuite costituisce un principio particolarmente importante del diritto sociale dell’Unione”.

Esso “è conferito a ogni lavoratore, indipendentemente dal suo stato di salute. Quando cessa il rapporto di lavoro e dunque la fruizione effettiva delle ferie annuali retribuite non è più possibile, la direttiva prevede che il lavoratore abbia diritto a un’indennità finanziaria per evitare che, a causa di tale impossibilità, egli non riesca in alcun modo a beneficiare di tale diritto, neppure in forma pecuniaria”.