Blitz quotidiano
powered by aruba

Foie gras, produzione a rischio in Francia per l’aviaria

PARIGI – Foie gras a rischio: la produzione di quest’anno nel sud-ovest della Francia diminuirà di almeno un terzo. Colpa dell’influenza aviaria, ancora diffusa con alcuni focolai nel Paese, che ha causato la sospensione di diverse produzioni.

Questo congelamento rischia di comportare perdite per oltre 350 milioni di euro. E mentre al Parlamento francese Pamela Anderson tuona contro i metodi di lavorazione del celebre prodotto francese, la filiera lancia l’allarme.

“Nello scenario più ottimista di vuoto sanitario – ha detto il presidente dell’associazione di categoria Christophe Barrailh – a diminuire sarà un terzo della produzione in quella regione”. Secondo uno dei principali produttori il calo potrebbe essere anche del 50%.

Solo pochi giorni fa la bagnina più famosa del mondo, Pamela Anderson, vegana da anni e testimonial dell’organizzazione animalista Peta (People for the Ethical Treatment of Animals), era a Parigi, dove ha tenuto una conferenza stampa contro le pratiche per produrre il celebre grasso di anatra.

Un’iniziativa che non è piaciuta ai produttori e ai rappresentanti della categoria, che si sono detti “profondamente scioccati” dall’evento, promosso dal deputato di Europe-Écologie-Les Verts (EELV), Laurence Abeille, che per l’occasione ha presentato un progetto di legge per vietare il ‘gavage’, cioè l’ingozzamento forzato delle anatre.

Iproduttori si sono detti “sorpresi che una deputata della Repubblica si faccia pubblicità scegliendo un’attrice di serie tv americane degli anni Ottanta per condannare uno dei fiori all’occhiello della gastronomia e della cultura francese”, e hanno giudicato l’iniziativa “indecente”, soprattutto in un momento in cui la “la filiera è in pericolo” proprio a causa dell’influenza aviaria che ha comportato il congelamento della produzione in alcuni allevamenti del sud-ovest della Francia.

(Nelle foto Lapresse, la conferenza stampa di Pamela Anderson)

Immagine 1 di 9
  • Pamela Anderson contro foie gras produttori protestano9Pamela Anderson (L), actress and animals rights defender and Michel Vandenbosch (R), co-founder of the Belgian animal welfare organisation, Global Action in the Interest of Animals (GAIA) attend a news conference at the National Assembly to protest the force-feeding of geese used in the production of foie gras, in Paris, France, January 19, 2016. Anderson holds a pancard from a IFOP poll which reads, "Would you be favorable to banning force-feeding (of geese)" "70% in favor. 30% not in favor". REUTERS/Philippe Wojazer
  • Pamela Anderson (L), actress and animals rights defender, Michel Vandenbosch (2ndL), co-founder of the Belgian animal welfare organisation, Global Action in the Interest of Animals (GAIA), and former Miss France Delphine Wespiser (3rdL) attend a news conference at the National Assembly to protest the force-feeding of geese used in the production of foie gras, in Paris, France, January 19, 2016. REUTERS/Philippe Wojazer
  • Pamela Anderson, actress and animals rights defender, attends a news conference at the National Assembly to protest the force-feeding of geese used in the production of foie gras, in Paris, France, January 19, 2016. REUTERS/Philippe Wojazer
  • French deputy Laurence Abeille (L), Pamela Anderson (2ndL), actress and animals rights defender, Michel Vandenbosch (C), co-founder of the Belgian animal welfare organisation, Global Action in the Interest of Animals (GAIA), former Miss France Delphine Wespiser (2ndR) and Paul Watson (R), founder of Sea Shepherd Conservation Society attend a news conference at the National Assembly to protest the force-feeding of geese used in the production of foie gras, in Paris, France, January 19, 2016. REUTERS/Philippe Wojazer
  • REUTERS/Philippe Wojazer
  • REUTERS/Philippe Wojazer
  • REUTERS/Philippe Wojazer
  • REUTERS/Philippe Wojazer
  • REUTERS/Philippe Wojazer
Immagine 1 di 9

 


PER SAPERNE DI PIU'