Blitz quotidiano
powered by aruba

Foto di uomo con cavallo sul telefonino e altre oscenità: multa di 80 sterline e 1 mese di terapia

LONDRA – Hanno preso il telefono del loro coinquilino per scherzo mentre era ubriaco, ma non pensavano di trovarsi davanti a foto di scene di sess0 con bambini e con un cavallo. Nathan Kozel, 24 anni, è stato così denunciato dai suoi coinquilini che sono rimasti inorriditi dalle foto di un uomo con un cavallo e da altre oscenità. Dopo aver mandato il materiale trovato sul suo cellulare alla polizia, Nathan è stato arrestato e un giudice lo ha condannato a pagare una multa di 80 sterline e a seguire un corso di riabilitazione di 30 giorni.

Il sito del Mirror scrive che così lo scherzo al coinquilino ubriaco si è trasformato in un’accusa per detenzione di materiale pedografico e di zoofilia. A denunciare il giovane Nathan la sua coinquilina Kirsty-Ann Barr, e il suo fidanzato. I due, ha raccontato la ragazza al Mirror, volevano scattare dei selfie col telefono i Nathan, che era semi-svenuto a causa dell’alcol bevuto, quando hanno trovato delle immagini di bambini con uomini e anche di rapporti con animali:

“Abbiamo aperto il telefono e trovato queste foto di bambini. Sono rimasta completamente sotto shock, erano terribili. Abbiamo preso l’iPad del mio fidanzato e abbiamo iniziato a filmare le immagini per evitare che le foto fossero cancellate. E’ stato disgustoso. nelle foto c’erano bambini che posavano con adulti, era orribile”.

 

La giovane ha detto di essere rimata inorridita e di aver deciso di denunciare quanto scoperto alla polizia, affinché prendesse provvedimenti. Gli agenti hanno così arrestato Nathan, che è stato incriminato per pos di immagini pedografiche e di persone in atti sessuali con un cavallo. Il ragazzo si è detto colpevole e il giudice lo ha condannato ad una multa da 30 sterline, più un supplemento di altre 60 sterline, e a seguire un programma di riabilitazione della durata di 30 giorni.

Intanto la coinquilina ha lasciato l’appartamento e trovato una nuova sistemazione, ma al Mirror ha dichiarato di essere rimasta delusa dalla sentenza così lieve:

“Non penso che sia stata una sentenza adeguata per le immagini che ho visto sul suo telefono, penso che avrebbero dovuto essere più severi. Se vedeste le immagini che ho visto io, capireste quando sbagliate e orribili erano”.


PER SAPERNE DI PIU'