Cronaca Europa

Francia, incendio nel Grande-Synthe: distrutto oltre la metà del campo rifugiati

Francia, incendio nel Grande-Synthe: distrutto oltre la metà del campo rifugiati

Francia, incendio nel Grande-Synthe: distrutto oltre la metà del campo rifugiati

PARIGI – Un grave incendio è divampato nella notte tra 10 e 11 aprile nel campo rifugiati Grande-Synthe, situato a nord della Francia. Oltre la metà del campo rifugiati, il più grande in Francia e che ospita circa un migliaio di migranti, è andato distrutto nelle fiamme appiccate dolosamente da qualcuno dopo una rissa tra due gruppi di etnia diversa.

A dare la notizia dell’incendio è stato il quotidiano Le Parisien, che ha scritto come nel campo rifugiati nel nord della Francia c’è stato un grande incendio dopo una rissa scoppiata tra due migranti.

Secondo una prima ricostruzione, tra due gruppi di migranti, afghani e curdi, è scoppiata dapprima una rissa, con un bilancio di cinque feriti, di cui quatto ricoverati in ospedale a Dunkerque. Sempre secondo il giornale, tre sono stati feriti all’arma bianca.

San raffaele

Poi sono divampate le fiamme e i migranti si sono dispersi nei dintorni. Sul posto sono intervenuti gli agenti in tenuta antisommossa che hanno lanciato 21 granate lacrimogene per riportare l’ordine. Ma la situazione  è ancora molto tesa e intanto oltre la metà del campo è stato devastato dall’incendio.

Il giornale locale Le Phare Dunkerquois, precisando che “gran parte” del campo è andata distrutta da una “serie di incendi dolosi”, scrive che il prefetto della zona di Dungerque è arrivato sul posto e che numerosi migranti si sono riuniti all’esterno del campo.

Dalle autorità francesi ancora nessuna comunicazione ufficiale, ma secondo il giornale è probabile che ci siano “diversi feriti”. Secondo un volontario presente sul posto, tutto è cominciato da una rissa tra curdi e afghani.

To Top