Blitz quotidiano
powered by aruba

Terrorismo: paura Isis, consigliato ai preti di non vestirsi da prete

LONDRA – In Inghilterra, i preti non dovranno indossare il collarino bianco, parte dell’abito religioso, nel timore possano diventare bersagli dello Stato Islamico in un eventuale attacco terroristico alla chiesa inglese. E a ulteriore protezione, anche dei fedeli che frequentano le piccole chiese parrocchiali, alle congregazioni religiose UK è stata suggerita la presenza di un “buttafuori” sulla porta.

La National Churchwatch ha messo in guardia le chiese più piccole – più a rischio delle grandi – e, dopo l’omicidio di un prete francese nel mese scorso, ha emesso nuove linee guida. Le indicazioni includono l’acquisto di telecamere a circuito chiuso e allarmi. Un prete, che vuole mantenere l’anonimato, ha affermato al Daily Mirror: “Mi è stato detto di non indossare in pubblico il collarino per evitare di essere identificato e di non stare mai da solo in chiesa ma pagare una persona, costerebbe troppo”.

La bozza del documento, di 12 pagine, del National Churchwatch afferma che le chiese devono assicurarsi che le porte siano ben chiuse e che i fedeli siano consapevoli cosa fare nel caso individuassero qualcosa di sospetto, scrive il Daily Telegraph. Quando i fedeli sono riuniti all’interno della chiesa, dovrebbe esserci una persona vicino alla porta. Il suo compito, secondo la guida “è quello di fermare eventuali trasgressori – compreso chi non è terrorista – così da consentire l’arrivo della polizia”. Per aumentare la sicurezza nei luoghi di culto, il ministero ha annunciato che avrebbe stanziato 2.4 milioni di sterline.

Il Counter Terrorism Advice for Churches, in caso di un attacco consiglia di fuggire e non cercare di nascondersi. Tolson, direttore della National Churchwatch, ha detto:”Il rischio è ancora molto basso però, dobbiamo pensare a ciò che si dovrebbe fare. Non sarà Westminster Abbey o quella di StPaul, sarà una piccola chiesa a Bolton e Birmingham”.


TAG: , ,