Cronaca Europa

Hosam Ali Eisa, italo-egiziano, ucciso a coltellate in un parcheggio vicino Londra

Hosam Ali Eisa, italo-egiziano, ucciso a coltellate in un parcheggio vicino Londra

Hosam Ali Eisa, italo-egiziano, ucciso a coltellate in un parcheggio vicino Londra

LONDRA – Un ragazzo di 20 anni, Hosam Ali Eisa, con la doppia nazionalità italiana ed egiziana, che per 14 anni ha abitato con la famiglia a Mantova, è stato ucciso a coltellate nel parcheggio di un supermercato a Romford, vicino a Londra. L’omicidio, per il quale sono stati fermati quattro ragazzi, tra cui tre minorenni (due dei quali subito rilasciati), è avvenuto giovedì scorso ma ne ha dato notizia solo oggi la Gazzetta di Mantova, dopo che alcuni amici e familiari della vittima che risiedono a Mantova si sono rivolti al giornale.

Hosam, cameriere part-time e che dal 2016 abitava con i genitori e cinque fratelli a Dagenham, un quartiere orientale di Londra, vicino al centro commerciale dove è avvenuto il delitto, è stato accoltellato mentre era insieme alla fidanzata, appena usciti da un cinema. Secondo i testimoni, la lite tra l’italo-egiziano e i quattro giovani inglesi sarebbe scaturito da un gioco di sguardi non graditi da parte della gang. A un tratto uno degli aggressori ha estratto un coltello che lo ha conficcato al fianco sinistro. Hosam è stato trasportato all’ospedale dove è morto un’ora dopo il ricovero.

Gabriele De Stefani e Rossella Canadè su La Gazzetta di Mantova aggiungono:

Hosam Ali Eisa, italiano di origine egiziana, è stato accoltellato nel parcheggio di un centro commerciale davanti allo sguardo terrorizzato della fidanzata Salma Begun, 19 anni, attorno alle quattro e mezza del pomeriggio di giovedì ed è morto un’ora dopo all’ospedale. Secondo quanto riferisce la polizia londinese, per l’omicidio erano stati fermati inizialmente quattro giovanissimi inglesi, di 14,15, 17 e 19 anni. Nella tarda serata di venerdì 19 maggio due di loro, i più giovani, sono stati rilasciati; gli altri due, il diciannovenne Che Pullen e il diciassettenne di cui non sono state fornite le generalità, sono invece ancora detenuti con l’accusa di omicidio.

Il quartetto ha inseguito e bloccato la coppia appena uscita dal cinema del centro Brewery di Waterloo Road. Uno di loro, secondo i testimoni che hanno assistito alla scena, ha piantato la lama nel fianco sinistro di Hosam, vicino al cuore. Alcuni passanti hanno cercato di rianimarlo in attesa dei soccorsi, ma la ferita non gli ha lasciato scampo. A due passi, Salma è rimasta pietrificata dalla paura ed è stata portata all’ospedale in stato di shock.

To Top