Cronaca Europa

Incendio Londra da frigo difettoso. Inquilino diede allarme, poi le fiamme

Incendio Londra da frigo difettoso. Inquilino diede allarme, poi le fiamme

Incendio Londra da frigo difettoso. Inquilino diede allarme, poi le fiamme

LONDRA – Un frigo difettoso all’interno 16 al quarto piano del grattacielo Grenfell Tower ha causato l’incendio del 14 giugno a Londra in cui sono morte 17 persone, ma il bilancio potrebbe ancora aggravarsi. L’inquilino è Behailu Kebede, un tassista etiope di 44 anni, che dopo aver visto le fiamme ha dato l’allarme, avvisando anche la vicina di casa di quanto stava accadendo. Qualcosa però non ha funzionato e in 15 minuti le fiamme sono divampate, avvolgendo in mezzora tutto lo stabile che è diventato una trappola letale di fuoco.

Il Daily Mail scrive che l’uomo era nella sua casa quando dal frigo è divampato un piccolo incendio. Kebede allora ha bussato alla porta della sua vicina, Maryann Ada, che vive all’interno 14 e l’ha avvisata di quanto stava accadendo:

“Ha bussato alla mia porta e mi ha detto che c’era un incendio nel suo appartamento. Erano le oo.50 e stavo dormendo, ma mi ha svegliato. L’incendio era piccolo nella cucina, potevo vedere le fiamme perché la porta dell’appartamento era aperta e non è scattato alcun allarme”.

Poi in appena 15 minuti le fiamme sono diventate un incendio e in mezzora il grattacielo era invaso dal fuoco e dal fumo. Il tassista etiope è riuscito a mettersi in salvo ma è sotto shock, come racconta l’amico Eshete Merie:

“Behailu ha cercato di dare l’allarme, che è quello che ho sentito. Sta bene ma non riesce a parlare a nessuno”.

 

La polizia ha interrogato l’uomo e ora indaga sul rogo e sta cercando di stabilire cosa sia accaduto in quel grattacielo divenuto un inferno di fuoco in cui molte persone sono rimaste uccise e i cui corpi carbonizzati non sono identificabili.

 

 

To Top