Cronaca Europa

Incendio Londra, proteste contro governo May: scontri e un arresto a Kensington

Incendio Londra, proteste e scontri al municipio di Kensington: un arresto

Incendio Londra, proteste e scontri al municipio di Kensington: un arresto

LONDRA – Sale la tensione davanti al municipio di Kensington e Chelsea dopo che decine di persone stanno protestando dopo l’incendio alla Grenfell Tower di Londra e chiedono notizie sulle vittime. Secondo SkyNews ci sarebbe almeno un arresto. Intanto i manifestanti sono scesi in piazza e contestano la premier Theresa May. “Vergognati, codarda”, queste le parole al governo dai cittadini infuriati. Il primo ministro è rimasto per poco alla St. Clement’s Church e ha lasciato il centro ricavato nei locali della chiesa mentre la folla inveiva contro di lei.

Sul posto, sono arrivati diversi agenti di polizia per calmare la situazione che rischia di degenerare, in particolare quando escono dall’edificio i dipendenti del municipio.

Dal pomeriggio del 16 giugno sono decine le persone che hanno iniziato a protestare davantial municipio di Kensington e Chelsea a Londra dopo l’incendio alla Grenfell Tower. I cittadini affermano che non sono state rispettate le misure di sicurezza antincendio nella torre e chiedono a gran voce risposte sulla tragedia e che agli sfollati sia assegnata una abitazione nel quartiere e non altrove. I manifestanti si sono organizzati in modo spontaneo e c’è chi mostra dei cartelli di protesta improvvisati contro il municipio e chi urla slogan contro il governo.

I manifestanti hanno poi fatto irruzione nel municipio, occupandone per qualche minuto l’ingresso al consiglio locale di Kensington and Chelsea, preso di mira assieme al governo conservatore di Theresa May per il disastroso incendio nella Grenfell Tower. Decine di persone sono entrate scandendo slogan, ma senza gesti di violenza. Solo a fatica alcuni dei promotori sono poi riusciti a cominciare a far defluire la folla all’esterno, dove gli amministratori hanno promesso dare risposte alle loro lamentele e alle denunce di negligenza prima della catastrofe e di scarsa assistenza dopo.

To Top