Cronaca Europa

Inquinamento, a Londra allarme per le stufe a legna: “Causano smog”

Inquinamento, a Londra allarme per le stufe a legna: "Causano smog" (foto Ansa)

Inquinamento, a Londra allarme per le stufe a legna: “Causano smog” (foto Ansa)

LONDRA –  Le stufe a legna, sono ormai un “must”, un simbolo delle abitazioni e, a quanto pare, le vendite sono in aumento. In Italia ci sono oltre 5 milioni di stufe e, pur essendo un’energia rinnovabile, non è detto sia necessariamente pulita, comporta comunque un notevole impatto ambientale, un pericolo anche per la salute.
Nel Regno Unito, solamente lo scorso anno, gli inglesi hanno acquistato circa 175.000 stufe. Ma quante persone riescono a vedere la connessione tra “l’irresisitibile e accogliente oggetto d’arredo” e la decisione del sindaco londinese, Sadiq Khan, di dichiarare lo stato di allerta a causa dello smog?”, scrive il Daily Mail. 

L’elemento pericoloso, una minuscola particella nell’aria, è il cosiddetto PM2.5: la polvere sottile riesce a penetrare nei polmoni ed è in grado di provocare malattie cardiovascolari e polmonari. La produzione maggiore di queste particelle avviene proprio con la combustione del legno.
Un team guidato dal Dott. Gary Fuller, uno scienziato esperto in inquinamento, ha confermato che la scorsa settimana, a Londra, erano i livelli più alti dal 2011; il fatto allarmante, però, è che le valutazioni sono state fatte quando il traffico era relativamente basso, ma moltissime persone erano in casa, davanti al calduccio della stufa. Le analisi, in seguito, hanno confermato che si trattava di altissimi livelli di fumo generato dalla combustione di legna. 
Londra non è nuova a questi episodi: già nel 1952 si trovò ad affrontare quello che venne ricordato come il “Grande Smog”. A causa dell’abbassamento delle temperature, gli inglesi consumarono più carbone negli impianti di riscaldamento; la nebbia era così densa da rendere difficile la circolazione e gli inglesi, a causa della scarsissima visibilità,  camminavano a tentoni.
Per la drammaticità dell’evento, in cui persero la vita oltre 4.000 persone,  nel 1958 venne istituito il cosiddetto “Clean Air Act”, una misura mirata a regolare i livelli di inquinamento e al controllo della qualità dell’aria.
Il legno fu proprio uno dei primi elementi banditi dal “Clean Air Act”, che ne vietava la combustione in zone specifiche. Al tempo, però, vennero istituite delle figure in grado di assicurare che i combustibili in vendita fossero quelli giusti e a chi avesse il camino o la stufa a norma di legge. Attualmente, invece, nessuno sembra monitorare la provenienza e come venga usato il materiale da ardere, nessuno controlla se il legno da ardere sia trattato con vernici o altro, che potrebbero rilasciare arsenico o sostanze chimiche dannose per la salute.
To Top