Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit. Bba, le grandi banche lasceranno Gb nel 2017

GB, LONDRA – Le grandi banche britanniche si preparano a trasferirsi fuori dal Regno Unito all’inizio dell’anno prossimo per i timori crescenti generati dalla Brexit, mentre gli istituti più piccoli stanno approntando piani per farlo già prima di Natale.

Lo scrive sull’Observer il capo della British Bankers’ Association (Bba) Anthony Browne. La maggior parte delle banche, all’epoca del referendum, si e’ schierata per rimanere nell’Unione europea. Browne ha avvertito che “il dibattito pubblico e politico al momento ci sta portando nella direzione sbagliata”.

Una fonte vicino al ministro della Brexit David Davis ha affermato che la settimana scorsa Davis e il Cancelliere Philip Hammond hanno cercato di offrire rassicurazioni alle banche sul mantenimento dello status della City di Londra. Tuttavia, prosegue l’Observer, la dichiarata intenzione del governo di controllare la libertà di movimento degli stranieri nel Regno viene vista nel settore come un duro colpo per qualsiasi possibilità di mantenere l’attuale status delle banche nel Paese. Anche alla luce delle bellicose affermazioni di alcuni leader d’oltremanica.

I cosiddetti ‘diritti di passaporto’ per i membri del mercato unico permettono alle banche basate nel Regno Unito di offrire servizi finanziari a società e persone nell’intera Ue senza alcun ostacolo. Tuttavia, il presidente francese François Hollande e’ tra coloro che nelle ultime settimane hanno insistito nel dire che la ‘ Brexit’ significherà per il Regno un “duro negoziato” e che il Paese dovrà “pagare il prezzo” dell’uscita dall’Unione europea.

Browne da parte sua mette in guardia i politici britannici ed europei che sembrano preferire obiettivi dannosi per il commercio internazionale: essi devono rendersi conto che “innalzare barriere al commercio nei servizi finanziari oltremanica ci danneggerà tutti”. E poi ricorda che attualmente le banche basate nel Regno “mantengono a galla finanziariamente il continente” con prestiti per 1.100 miliardi di sterline: anche questa realtà e’ a rischio.