Cronaca Europa

Londra, identificata prima vittima: è Mohammed Alhajali, rifugiato che studiava ingegneria

Incendio Londra, 17 morti. Identificata vittima: rifugiato siriano Mohammed Alhajali

Incendio Londra, 17 morti. Identificata vittima: rifugiato siriano Mohammed Alhajali

LONDRA – Mohammed Alhajali è la prima vittima identificata del terribile incendio alla Grenfell Tower di Londra del 14 giugno. Il giovane rifugiato siriano aveva 23 anni e studiava ingegneria civile alla University of West London. Il suo sogno era quello di tornare un giorno in Siria per ricostruirla dopo la guerra civile che dilania il paese arabo.

Il numero accertato delle vittime del rogo a Londra è al momento di 17 morti e le speranze di ritrovare vivi i due italiani Gloria Trevisan e Marco Gottardi sembra essere persa anche dalle loro famiglie. La premier britannica Theresa May ha annunciato un’inchiesta pubblica sul disastroso incendio:

“Questa terribile tragedia va indagata in modo adeguato”,

ha promesso May, sullo sfondo delle polemiche e degli interrogativi che montano sulla sicurezza della torre e di altri edifici simili, nonché sulla mancata prevenzione. La premier conservatrice ha anche garantito che decine di famiglie rimaste senza un tetto a causa della sciagura saranno “rialloggiate a Londra” con l’aiuto delle autorità. Ma soprattutto ha cercato di rassicurare sulla volontà di affrontare le molte questioni irrisolte che l’episodio ripropone e le denunce che restano inevase da anni:

“La gente adesso vuole risposte ha assolutamente ragione di volerle. E’ per questo che oggi ho ordinato un’inchiesta pubblica, a tutto campo, su questo disastro. Dobbiamo capire cosa sia accaduto, dobbiamo avere una spiegazione su questo. Lo dobbiamo alle famiglie, alle persone che hanno perso i loro cari, a chi ha perduto degli amici o la casa in cui viveva”.

To Top