Cronaca Europa

Martina, moglie di Bruno Gulotta, eroina a Barcellona: così ha salvato il figlio di 3 anni e mezzo

ATTENTATO DI BARCELLONA: Martina, moglie di Bruno Gulotta, così ha salvato il figlio strappandolo al padre

Martina, moglie di Bruno Gulotta, eroina a Barcellona: così ha salvato il figlio (foto Ansa)

BARCELLONA – Martina, 28 anni, moglie di Bruno Gulotta, ha salvato la vita al suo figlio maggiorenne. Nella tragedia dell’attentato di Barcellona, Martina è diventata l’eroina della famiglia. Un riconoscimento “agrodolce”, visto che il contrappeso di una vita salvata è la vita persa dal marito. Bruno Gulotta è una delle due vittime italiane dell’attacco, insieme a Luca Russo.

E’ stata la stessa Martina a raccontare la dinamica dell’accaduto, dinamica riferita dai microfoni di Rainews. Martina e Bruno stavano passeggiando con i due figli. Il grande ha 3 anni e mezzo ed era mano nella mano con il papà, la piccola di 7 mesi era abbarbicata alla mamma nel marsupio. La famiglia stava camminando sulla Rambla, luogo simbolo di Barcellona, quando Martina si è accorta di un rumore sinistro.

Un rumore anomalo, ed è qui che l’istinto di mamma si è materializzato: Martina ha capito subito che qualcosa non andava. Vuoi per il proverbiale sesto senso femminile, vuoi perché magari passeggiava in una posizione che le dava una visuale privilegiata rispetto a Bruno (d’altronde era lei a dover difendere la “cucciola” più piccola del nido). Fatto sta che ha avuto la prontezza di strappare il bambino dalle mani del padre e portarlo in sicurezza.

Quello che non ha potuto evitare, purtroppo, è stato che i due bambini assistessero alla scena che probabilmente li tormenterà per tanto, tanto tempo: il loro papà è rimasto per terra, con la testa sanguinante, le gambe spezzate e scomposte. È morto così, sul selciato, sotto lo sguardo dei suoi figli. Ma lui, il figlio maggiore, potrà anche ringraziare per sempre mamma Martina che gli ha evitato la stessa fine.

To Top