Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti, Austria schiera 80 agenti Brennero e accusa Italia

ROMA – Da martedì l’Austria vuole schierare 80 poliziotti al Brennero per intensificare i controlli per l’arrivo dei profughi. Mentre in un primo momento le rassicurazioni di maggiori controlli da parte dell’Italia avevano tranquillizzato gli austriaci, che avevano iniziato a costruire una struttura di recinzione per provvedere ai controlli, ora con l’arrivo di gruppi di profughi che cercano di varcare il confine perlopiù a piedi, la situazione sembra mutare. Il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka avrebbe assicurato al presidente del Land Tirolo Günther Platter che da martedì al Brennero ci saranno 80 poliziotti in più per svolgere quei controlli che attualmente si possono svolgere nei limiti degli accordi di Schengen.

“L’Italia non ha mantenuto le promesse. Non accetterò che gli italiani distribuiscano inefficaci tranquillanti su presunti controlli e da noi il numero di ingressi illegali aumenta nuovamente. Erano serie le promesse da parte del ministero degli Interni italiano di effettuare i controlli sui migranti oppure uno stratagemma per impedire l’attivazione del management austriaco al confine del Brennero?”. E’ la dura la reazione da parte del capitano (governatore) del Tirolo, Guenther Platter, in seguito alle diverse segnalazioni giunte negli ultimi giorni sull’aumento di profughi nella zona del valico di frontiera con l’Italia di passo del Brennero.

Intanto le autorità austriache sostengono che nell’ultima settimana il numero di migranti entrato illegalmente in Austria è aumentato. Per questo motivo, su esplicita richiesta di Platter, il ministro degli Interni austriaco Wolfgang Sobotka ha deciso, dopo le polemiche esplose sull’ipotesi della realizzazione di una barriera, che da martedì alla frontiera di passo del Brennero, l’Austria rafforzerà la presenza con l’invio di ulteriori 80 poliziotti. Lo stesso Platter ha affermato che “la situazione sarà seguita da vicino e se i transiti non autorizzati della frontiera dovessero aumentare, i controlli al Brennero dovranno essere auto-attivati”.