Cronaca Europa

Migranti, fermato barcone nel Mar Nero: ora i profughi sbarcano in Romania

Migranti, fermato barcone nel Mar Nero: ora i profughi sbarcano in Romania

Migranti, fermato barcone nel Mar Nero: ora i profughi sbarcano in Romania

BUCAREST – Un battello fatiscente, carico di migranti, che attraversava il Mar Nero. La guardia costiera romena lo ha intercettato e bloccato in queste ore: a bordo c’erano 153 migranti, fra i quali 53 bambini. E’ la nuova via di fuga verso l’Europa, dopo la chiusura delle rotte balcaniche, per siriani e iracheni.

Il Mar Nero deve il suo nome alla pericolosità. È spesso attraversato da rovesci improvvisi e tempeste. Gli antichi greci lo chiamavo “mare inospitale” e non è mai stato facile solcarlo. Ma ora ai migranti è rimasta solo quella via e stanno arrivando. Dalla Grecia non si passa più. La Bulgaria ha muri e militari schierati al confine, così come ha fatto l’Ungheria, lungo le frontiere con la Serbia e la Croazia. E quindi, l’unico passaggio per tentare di raggiungere il Nord Europa, è proprio la Romania. Dalle coste della Turchia ci vogliono quasi due giorni di navigazione.

L’ultimo battello, che era in difficoltà e che aveva lanciato un segnale di aiuto, è stato rimorchiato e condotto a Costanza, porto affacciato sull’estremo est, la zona più ricca della Romania. Le autorità locali sono ora impregnate nell’opera di riconoscimento dei clandestini.

Secondo i media nell’ultimo fine settimana le guardie costiere di Romania e Bulgaria hanno intercettato nel Mar Nero oltre 200 migranti in due imbarcazioni dirette verso le coste romene. E continueranno ad arrivare, ora che persino l’Italia è riuscita a contenere i flussi dalla Libia.

To Top