Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti. Hrw, ”Partono ora perchè Europa sta chiudendo”

Gennaio è stato il mese con più morti dall'inizio della crisi la scorsa estate "perché il tempo sta peggiorando" e "i trafficanti fanno sconti a chi parte ora usando sempre di più barche non adatte alla traversata e le fanno condurre ai migranti stessi". Peter Bouckaert, direttore delle emergenze di Human Rights Watch, spiega che "oggi più che mai c'è l'idea che le porte dell'Europa si stiano chiudendo, che aspettando fino a primavera si perderà l'opportunità di entrare".

ROMA – Gennaio è stato il mese con più morti dall’inizio della crisi la scorsa estate “perché il tempo sta peggiorando” e “i trafficanti fanno sconti a chi parte ora usando sempre di più barche non adatte alla traversata e le fanno condurre ai migranti stessi”.

Peter Bouckaert, direttore delle emergenze di Human Rights Watch, spiega che “oggi più che mai c’è l’idea che le porte dell’Europa si stiano chiudendo, che aspettando fino a primavera si perderà l’opportunità di entrare”.

Molte vittime sono bambini “perchè ne partono di più rispetto al passato – sottolinea – dobbiamo capire che la situazione in Siria peggiora di settimana in settimana. Che in Afghanistan ci sono oggi più aree sotto controllo Taliban di quanto non sia mai accaduto dal 2001″, i genitori rischiano la vita dei figli perché “dietro di loro c’è solo la morte”.

In Turchia non ci sono scuole per i piccoli rifugiati, non ci sono lavori per i padri”. “I governi non hanno messo in campo abbastanza squadre e attrezzature di salvataggio. E neanche infrastrutture per la prima accoglienza e la registrazione”, spiega Bouckaert. “La crisi non è in Europa ma in Turchia, in Giordania, in Libano, dove oggi il 25% della popolazione è composto da rifugiati”.

La crisi in Europa – afferma – l’hanno vissuta la Grecia e l’Italia e ora assistiamo al tentativo di chiudere di nuovo le frontiere, chiamando solo questi Paesi a rispondere”.