Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti, naufragio Turchia: 21 morti, 3 sono bambini

ISTANBUL -Questa volta i morti sono 21 tra cui almeno 3 bambini. E’ un bilancio, purtroppo l’ennesimo bilancio, di un  naufragio di un barcone di migranti diretto all’isola greca di Lesbo, avvenuto nella notte tra il 4 e il 5 gennaio al largo della Turchia. Lo riferiscono media locali, secondo cui la gendarmeria di Ankara ha recuperato i corpi in due diverse località della costa egea, Ayvalik e Dikili. A causare il naufragio, sempre secondo le prime informazioni, le cattive condizioni meteo.

I corpi sono stati riportati indietro dalla corrente: la polizia ha reso noto che 11 sono stati trovati sulla spiaggia di un complesso residenziale nel distretto ai Ayvalik, nel nord-ovest della Turchia, a poche miglia nautiche dall’isola greca di Lesbo; altri dieci erano sulla costa del distretto di Dikili.

L’imbarcazione partita da Smirne si è capovolta in mare a causa delle pessime condizioni meteorologiche, riportano i media turchi. Otto persone sono state tratte in salvo dalla Guardia costiera che sta conducendo operazioni di ricerca in mare, mentre la polizia sta perlustrando la costa.

Secondo
l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), sono circa 700 le persone decedute e disperse lo scorso anno durante la traversata del mar Egeo. Nel 2015, sempre secondo l’Oim, un milione di migranti è arrivato in Europa.