Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti Ue: in Gran Bretagna in 10 anni entrati 1,5 milioni

LONDRA – Migranti: hanno invaso la Gran Bretagna? Secondo il Daily Mail, in meno di un decennio, più di 1,6 milioni di migranti si sono spostati in Gran Bretagna dall’interno dell’Ue. Sono numeri molto inferiori alle cifre che si conoscono in Italia sugli extra comunitari, ma l’Inghilterra è molto più multi etnica dell’Italia perché ha assorbito per decenni il flusso di immigranti dalle sue ex colonie, neri dai Caraibi, indiani dall’India e, in un colpo solo, quelli espulsi nel 1972 dall‘Uganda di Idi Amin.

Per il giornale si tratta, in questi tempi di tensioni in vista del referendum per l‘uscita della Gran Bretagna dalla Ue, comunque di un dato sorprendente, equivalente alle popolazioni di Manchester e Birmingham combinate, delle persone che si stabilirono tra il 2006 e il 2014, secondo UK Statistics Authority.

Ciò significa che una media di 500 persone al giorno per nove anni ha esercitato il diritto alla libera circolazione – aggiungendo ulteriore pressione sulle scuole della Gran Bretagna, gli ospedali e altre infrastrutture. E con la migrazione che all’interno dell’Ue ha continuato a muoversi a livelli record nel corso degli ultimi due anni, il vero totale ora sarà ancora più alto.

Gli attivisti affermano che le cifre sono chiare e che, se la Gran Bretagna vuole controllare i suoi confini e un piano corretto per il futuro, deve uscire dalla Ue. Seguono rivelazioni su come le norme sulla libera circolazione hanno permesso a decine di criminali stranieri di commettere reati orribili in Gran Bretagna.
In un discorso, il ministro della Giustizia Dominic Raab avviserà che il decreto irremovibile sta dando un “free pass” a estremisti e sospetti terroristi.

Raab afferma che, se il Regno Unito ha un po’ d’intelligenza” per capire che qualcuno può essere collegato al terrorismo, può negare loro il diritto di libera circolazione ora impostato in modo tale che dobbiamo farli entrare.

I dati di migrazione sono stati compilati UK Statistics Authority a seguito di una richiesta da parte dell’euroscettico Tory MP Anne Main.

Nel solo 2014, 287.000 persone provenienti dall’interno della Ue – molti provenienti dall’Europa orientale – si sono stabiliti in Gran Bretagna. Cifre distinte compilate dalle Nazioni Unite ora suggeriscono che ci sono 2,9 milioni di cittadini dell’Ue che vivono in Gran Bretagna.

In confronto ai 1,2 milioni di cittadini britannici che vivono in altri paesi dell’Ue. Il ministro per l’occupazione Priti Patel ha detto:

“Questi livelli di immigrazione sono troppo alti da sostenere per il Paese. Con l’alloggio, le scuole e il sistema sanitario nazionale sotto pressione, questo paese non sarà in grado di far fronte alle richieste di ulteriori ondate migratorie di questa portata da parte dell’Ue. Fino a che il Regno Unito rimane un membro della Ue siamo in grado di fermare o controllare i numeri in arrivo. Possiamo solo prendere il controllo della nostra politica di immigrazione e le nostre frontiere votando per lasciare l’Unione europea”.

Main ha detto al Mail:

“Queste cifre sono allarmanti, perché non tengono conto di tutta l’immigrazione dall’Unione europea. Questa è la scelta affrontata dalla Gran Bretagna il 23 giugno: da oggi fino al giorno delle elezioni, il Regno Unito avrà bisogno di trovare un alloggio, ospedali e scuole per accompagnare una nuova città delle dimensioni di Canterbury, Torquay o Folkestone”.

All’inizio di questa settimana, un dossier compilato dal gruppo Vote Leave ha elencato 50 dei criminali europei più pericolosi “che sono entrati liberamente nel Regno Unito, nonostante le condanne nei loro Paesi. Una volta qui, 45 di loro hanno commesso gravi reati. In totale, sono stati responsabili di 14 uccisioni, tra cui nove omicidi e 13 crimini sessuali. Tra questi Arnis Zalkalns, il lettone che ha ucciso la moglie prima di trasferirsi in Gran Bretagna dove ha ucciso Alice Gross di 14 anni”.

Nel suo discorso, Raab dirà:

“L’elefante nella stanza è il principio inflessibile della libera circolazione attraverso le frontiere dell’Europa e il suo impatto sulla sicurezza della Gran Bretagna. Sì, abbiamo i controlli alla frontiera, perché non siamo a Schengen. Ma, a che servono se possiamo agire così poco? Non possiamo chiedere a chi arriva da altri paesi dell’Ue un permesso rilasciato dal Regno Unito, data la possibilità di documenti falsi emessi in altri Stati. Non possiamo rifiutare l’ingresso ai cittadini dell’Unione europea che hanno un passaporto UE, anche se non abbiamo alcun controllo sui controlli effettuati dal paese di emissione, che possiamo dire caritatevolmente sono di affidabilità contrastante. Fondamentalmente, per le agenzie di intelligence del Regno Unito, non possiamo vietare l’ingresso a individui sui quale abbiamo dei sospetti ma ragione di credere che siano collegati al terrorisimo o altre gravi attività criminali. Nella maggior parte dei paesi al di fuori dell’Ue, si può scommettere che gli individui segnalati in questo modo non supererebbero senza difficoltà il controllo passaporti”.

I dati sulle persone che si spostano nel Regno Unito dalla Ue intensificherà le richieste per i ministri di pubblicare tutte le cifre degli immigrati – con molti parlamentari che sostengono il totale sia sottostimato dall’Officer for National Statistics.

Il diverbio è incentrato sull’enorme divario tra le due serie di cifre in materia di immigrazione. Le cifre dell’ONS – la base per la ricerca da parte dell’UK Authority Statistic – mostrano che 904.000 migranti Ue sono arrivati in Gran Bretagna dal giugno 2010. Ma nello stesso periodo, i funzionari hanno emesso 2,2 milioni di numeri di National Insurance ai migranti dall’Ue.

Gli esperti dicono che, al fine di scoprire chi in realtà vive nel Paese, il governo dovrebbe rilasciare la quantità di numeri di assicurazione che sono attualmente “attivi”, ossia i migranti che li utilizzano per pagare le tasse o ricevere benefits.

Un portavoce del Ministero ha detto:

“In passato il nostro sistema di vantaggi è stata una calamita per i migranti Ue, per questo tramite la rinegoziazione abbiamo messo fine al sistema del qualcosa per niente. Se abbiamo lasciato l’Unione europea, ma volevamo l’accesso al mercato unico dovremmo accettare la libera circolazione pur perdendo la nostra influenza nel decidere le regole. Vogliamo che la Gran Bretagna abbia il meglio dai due mondi – la garanzia che paghiamo solo benefits a coloro che hanno pagato nel sistema mantenendo l’accesso al mercato unico di 500 milioni di persone che garantisce posti di lavoro e la sicurezza finanziaria”.

Nick Herbert, presidente dei conservatori ed ex police minister, ha detto:

“Non dovremmo prendere lezioni dagli attivisti che sono contrari a tutte le misure di cooperazione Ue che aiutano a tenerci al sicuro. Si oppongono al mandato d’arresto europeo che consegna alla giustizia gravi criminali e si oppongono alle misure Ue per condividere registrazioni del DNA che identificano i trasgressori. Sono disposti a mettere la loro opposizione ideologica a qualsiasi cooperazione dell’Ue in vista di misure di sicurezza efficaci”.

(Foto Ansa)

Immagine 1 di 5
  • Migranti Ue: in Gran Bretagna in 10 anni entrati 1,5 milioni 5
Immagine 1 di 5

PER SAPERNE DI PIU'