Blitz quotidiano
powered by aruba

Monaco, Isis non rivendica ma elogia su social network

MONACO – Nessuna rivendicazione o dichiarazione ufficiale da parte dell’Isis sulla strage di Monaco ma sui social network diversi profili di sedicenti seguaci dello Stato islamico usano l’hashtag in caratteri arabi “Munich” (Monaco) ed esprimono elogi per l’attacco compiuto dal giovane tedesco di origine iraniana.

“Il Califfato colpisce ovunque. E’ venuta la vostra ora miscredenti di tutto il mondo”, si legge su un account Twitter che in arabo si firma “soldato del Califfato”. Un altro utente, che si fa chiamare “Figlio di Baghdadi”, in riferimento al leader dell’Isis, afferma: “Monaco dimostra che non c’è scampo per chi non si sottomette alla volontà di Dio”.

Su alcuni post di Facebook di sostenitori dello Stato islamico compaiono liste dei luoghi dei più recenti attacchi, in cui l’Isis è stato chiamato in causa o che sono stati rivendicati dallo stesso gruppo jihadista, con accanto la lista delle persone uccise: “Altri miscredenti calpestati”, è la frase che ricorre a commento. “La guerra è solo cominciata”, si legge su un altro account registrato come al Mujahid (combattente islamico).

Il killer di Monaco era un ragazzo di 18 anni di origine iraniana. In un video si vede il dialogo tra un uomo su un balcone e il ragazzo che ha ucciso 9 persone, eccolo:

– Uomo in balcone: “Maledetto stronzo…”

– Sparatore: “A causa vostra sono stato vittima di bullismo per sette anni…”

– Uomo in balcone: “Sei un coglione”

– Sparatore: “E ora ho comprato una pistola per spararvi”

– Uomo in balcone: “Una fottuta pistola, la tua testa non è a posto”

– Uomo in balcone: apparentemente rivolto alla persona che sta filmando: “Ha una pistola, il ragazzo ha una pistola”

– Sparatore: “Merda” Maledetti turchi!”

– Uomo in balcone: “Merda/Maledetti stranieri!”

– Uomo in balcone: rivolto a qualcun altro: “Hey! Ha una pistola! L’ha caricata! Chiama la polizia!”

– Sparatore: “Io sono tedesco!”

– Uomo in balcone: “Sei un coglione, ecco cosa sei”

– Sparatore: “Smettila di filmare!”

– Uomo in balcone: “Sei uno stronzo! Ecco cosa sei”

– Sparatore: “Sono nato qui!”

– Uomo in balcone: “Si, e cosa cazzo pensi di fare?”

– Sparatore: “Sono cresciuto qui nell’area Hartz 4″ – riferimento al sussidio sociale

– Sparatore: dice qualcosa a proposito di un “trattamento”. Non è chiaro se si riferisca a un trattamento medico o a un modo di trattare le persone.

– Uomo in balcone: dice qualcosa del tipo “sì un trattamento è ciò che ti serve”. L’uomo poi si mette al riparo, ma continua a filmare. Il giovane lo minaccia. Il video termina.