Blitz quotidiano
powered by aruba

Monaco, minaccia attacchi Isis: chiuse due stazioni

Le stazioni sono state riaperte alle 4 dell'1 gennaio dopo i controlli. Sospettate almeno 6 persone, l'informazione da una intelligence amica, forse quella francese

MONACO – Un allarme per un possibile attentato terroristico dell’Isis ha guastato la festa del capodanno di Monaco di Baviera, poco prima dello scoccare della mezzanotte.

Due informazioni, che la polizia del capoluogo bavarese ha definito “concrete, da non poter mettere sotto il tappeto” hanno fatto scattare l’emergenza: due stazioni bloccate, quella centrale e quella del quartiere occidentale di Pasing, l’intervento delle forze speciali e l’evacuazione progressiva dell’intera area attorno allo scalo centrale.

Quindi una serie di avvertimenti, lanciati dalle forze dell’ordine ai cittadini attraverso i social media, anche nelle lingue delle comunità straniere più diffuse (tra cui l’italiana), a evitare gli assembramenti nel centro della città. Nel corso della notte sono stati fatti affluire a Monaco rinforzi di polizia dalle zone meridionali della Baviera.

La Sueddeutsche Zeitung, citando fonti dell’unità di crisi, ha riferito di sei sospetti terroristi su cui si focalizzerebbero le indagini. E la Bild afferma che, secondo i servizi, i sospettati sarebbero legati all’Isis e che gli avvertimenti sarebbero giunti alla polizia di Monaco da più servizi di sicurezza.

Le due stazioni, alle prime luci di Capodanno, sono state riaperte.

“Sono felice che fino a questo momento nulla sia accaduto e spero che continui così” ha detto il ministro Joachim Herrmann aggiungendo che le informazioni provenivano da “un’agenzia di intelligence amica”. Secondo media locali citati dalla Bbc, si tratterebbe dei servizi francesi.