Blitz quotidiano
powered by aruba

Najim Laachraoui, amico di Salah dietro attentati Bruxelles?

BRUXELLES – Dopo la cattura di Salah Abdeslam, Najim Laachraoui è l’uomo più ricercato d’Europa. Il ragazzo, 25 anni, è stato individuato dalle forze dell’ordine come uno dei complici di Salah: soltanto poche ore prima della mattanza di Bruxelles era stato spiccato un mandato d’arresto nei suoi confronti.

L’atroce sospetto è che sia proprio Laachraoui la mente dietro gli attacchi coordinati alla capitale belga, colpita all’aeroporto di Zaventem e in tre stazioni della metropolitana. Una nuova strage islamica, almeno 23 le vittime, ma il bilancio potrebbe aggravarsi.

Laachraoui, secondo le autorità, nei mesi precedenti agli attacchi di Parigi dello scorso 13 novembre aveva viaggiato con Salah fino a Budapest: i due avrebbero pianificato l’attentato alla città francese. Il sospetto degli inquirenti, dunque, è che Laachraoui abbia pianificato questo secondo attacco, magari anticipandolo di qualche giorno, temendo che Salah potesse rivelare le sue intenzioni (le autorità, infatti, hanno reso noto che la mente degli attacchi di Parigi starebbe collaborando alle indagini). Per inciso, il Dna di Laachraoui è stato ritrovato a più riprese nei covi in cui è vissuto Abdeslam.

Immagine 1 di 25
  • bruxelles 12
Immagine 1 di 25