Cronaca Europa

Nazismo: pubblicata la lista del personale che lavorò ad Auschwitz

Nazismo: pubblicata la lista del personale che lavorò ad Auschwitz

ROMA – L’Institute of National Remembrance polacco ha pubblicato un database del personale che lavorò nel campo di concentramento di Auschwitz. La banca dati degli 8.502 tedeschi che lavoravano nel campo è stato creato anche per dissipare l’idea che il lager fosse gestito da molte guardie polacche. 

Nel corso della sua esistenza, Auschwitz fu presidiata da circa 10mila tedeschi, tra membri delle SS e guardie di rango inferiore: una piccola frazione di questi è stata poi processata e condannata per crimini di guerra, ma la maggior parte è semplicemente ritornato a una vita normale.

L’elenco diffuso dall’Istituto contiene le generalità, le foto e le pene comminate a ciascuno. Secondo i media locali, alcune decine di queste persone sono ancora in vita.

La sua compilazione è opera dello storico Aleksander Lasik, che se ne occupava dal lontano 1982, dell’IPN stesso e del Museo-memoriale di Auschwitz-Birkenau. Per metterla insieme, il team ha consultato archivi polacchi, tedeschi, austriaci, americani, russi e di altri paesi.

Secondo il presidente dello IPN, Jaroslaw Szarek: “Non è che l’inizio di un ampio progetto deciso per correggere alcune distorsioni comunicative che nel passato hanno più volte portato i media di tutto il mondo a usare la definizione assurda ‘campo polacco’ per designare Auschwitz-Birkenau, campo nazista realizzato in territorio polacco. Un errore dovuto a volte all’ignoranza, a volte alla cattiva volontà, altre volte ancora mosso da una politica storica antipolacca”.

 

To Top