Cronaca Europa

Newcastle, condannata la gang asiatica che violentava le adolescenti

gang-newcastle

I 18 membri della gang di Newcastle

LONDRA – A Newcastle, è stato arrestato Naadem Aslam, 43 anni, il 18° e ultimo componente della gang asiatica che drogava e faceva ubriacare adolescenti vulnerabili e poi ne abusavano sessualmente e le avviavano alla prostituzione. Ora sono tutti dietro le sbarre con l’accusa di stupro, spaccio di droga, sfruttamento sessuale e abuso di minori, condannati a un totale di circa 200 anni di carcere.

Nadeem Aslam, 43 anni, è l’ultimo a essere stato arrestato, dopo una precedente condanna per reati connessi alla droga.

Gli altri 17 componenti della gang, per 4 anni hanno drogato ragazzine, alcune avevano 13 anni, dato loro cocaina, cannabis, alcol, il mefedrone, chiamato gergalmente anche M-cat, prima di violentarle e costrette a fare sesso con altri uomini nel corso di festini.

Una ragazza ha raccontato che ora dorme con un coltello nel letto e si sveglia urlando; un’altra vive con enormi sensi di colpa per non aver avuto il coraggio di raccontare subito quanto le stava accadendo e aggiunto:”Spero che il nostro caso faccia capire che parlando si può ottenere un aiuto”.

Nel Regno Unito, il caso ha sollevato un enorme clamore, soprattutto dopo che uno dei violentatori, è stato pagato 10.000 sterline, denaro dei contribuenti, per spiare gli “incontri” in cui le minori era drogate, ubriache e subivano abusi sessuali, riporta il Daily Mail.

E’ emerso, infatti, che la polizia di Northumbria aveva pagato la somma in cambio di informazioni sull’operazione “Shelter”.

Nonostante le accese polemiche, la polizia ha insistito che era la cosa giusta per riuscire ad arrestare uomini pericolosi.

Hanno iniziato a parlare con 108 potenziali vittime, che hanno portato a 20 ragazze che tra il 2011 e 2014 erano entrate nel tunnel dell’orrore.

Il giudice Penny Moreland ha sostenuto che le giovani sono state “sistematicamente abusate anche da un punto di vista psicologico”. Le vittime sono state trattate alla pari di “un pezzo di carne”, derise dai violentatori e, a causa della terribile esperienza, avuto istinti suicidi.

In tribunale era emerso che Badrul Hussain, 37 anni, uno dei condannati, a un controllore della metro aveva detto spavaldo:”Tutte le donne bianche sono buone solo a una cosa. Per gli uomini come me sono da sco**re e utilizzare come spazzatura. Nient’altro”.

I 17 uomini condannati, sono pakistani, indiani, iracheni, turchi di cui la maggior parte viveva nel West End di Newcastle.

Nadeem Aslam era stato precedentemente condannato a 12 anni di galera per spaccio di cannabis, M-cat e consentito l’uso di droga nei suoi locali.

Non era stato condannato per nessun reato sessuale, ma il giudice Moreland, all’epoca disse ad Aslam:”Sono sicura che sapessi che le droghe non erano pagate con il denaro”.

L’unica donna condannata, che faceva parte della gang, è Carolann Gallon, 22 anni, sbattuta in cella per sei anni e 3 mesi per traffico ai fini dello sfruttamento sessuale.

To Top