Blitz quotidiano
powered by aruba

Padre di 3 figli fa ubriacare ragazzine e le costringe a…

LONDRA – Ha fatto ubriacare pesantemente e stuprato due ragazzine minorenni ed ora dovrà scontare 16 anni di carcere. Mark Jackson01, 34 anni e padre di tre figli, di Coventry nel West Midlands, nell’aprile di due anni fa aveva abbordato le adolescenti fuori da un negozio, comprato loro delle bottiglie di vodka e lasciato un biglietto con il suo numero di telefono, dicendo di chiamarlo nel caso ne volessero altre.

A notte fonda, nel suo appartamento, prima di costringerle a fare orale su lui, l’uomo ha costretto le ragazze a togliersi la tuta. Aveva anche sequestrato i telefoni alle ragazze nella sua auto, così che in caso di difficoltà, non potessero chiedere aiuto.

Le due adolescenti si erano recate nel suo appartamento tre volte per bere vodka mentre Jackson ingollava whisky. Quando, in un’altra occasione, una di loro, è tornata con due amici di 15 anni, l’uomo ha messo una mano sui pantaloni della ragazza toccandola sul pube.

Al momento dell’arresto, alla polizia ha detto che le due ragazze affermavano di avere 16 anni e alla domanda se fosse rimasto attratto da loro, ha risposto: “Beh, sono un uomo solo. Perché no?”.
“Sembravano giovani, ma è difficile dire se avessero meno di 16 anni”.

Jackson è stato condannato per aver stuprato la quattordicenne e costretto lei e la sua amica di 15 anni a praticargli un rapporto orale. Il giudice Sylvia de Bertodano che l’ha condannato a 16 anni di carcere ha detto: “Ci sono due ragazze e sono vulnerabili a causa dell’età, e rese ancor più vulnerabili per averle fatte ubriacare fino a non potersi muovere. L’abuso di alcol era mirato a facilitargli le cose ed è stato tutto pianificato, visto che aveva sequestrato i loro telefoni nella sua macchina e non avrebbero potuto chiedere aiuto. Quando ha incontrato le ragazze, non ho alcun dubbio che sapesse che avevano meno di 16 anni. Ma 15 o 16 anni, dato il gravissimo reato, non fa differenza. Non avrebbero dovuto bere poiché chiaramente incapaci di reggere l’alcol. Erano talmente ubriache da non poter ribellarsi a nulla, non erano in grado di fare resistenza”.

Il fatto è venuto alla luce, dopo che nel maggio 2014 una delle ragazze fu trovata ubriaca in parco. Ricoverata in ospedale rivelò quanto accaduto e Jackson fu arrestato. Per il resto della sua vita il suo nome sarà presente sul registro dei condannati per reati sessuali.