Blitz quotidiano
powered by aruba

Ragazzina di 12 anni dimessa da ospedale, muore 48 ore dopo

LONDRA – Ragazzina di 12 anni va in ospedale e viene dimessa per due volte di seguito: muore 48 ore dopo. Franchesca Pawson era una ragazzina ecuadoregna che viveva a Derby, nel Regno Unito.

Lo scorso gennaio, racconta il quotidiano britannico The Telegraph, Franchesca si è sentita male. Per cinque giorni ha lamentato dolori alla schiena, rash cutaneo e febbre. Alla fine la madre Elsa ha deciso di portarla in ospedale.

Qui, però, la ragazzina è stata visitata velocemente e subito dopo dimessa. I medici le hanno prescritto solo del paracetamolo e dell’ibuprofene, senza capire che cosa avesse esattamente.

Due giorni dopo Franchesca è dovuta tornare in ospedale: i medicinali non erano serviti, lei continuava a stare male. Anche in quel caso, però, scrive sempre il Telegraph, la ragazzina è stata visitata sbrigativamente, giusto “due o tre minuti”, senza che si capisse che cosa avesse. I medici le hanno prescritto degli antibiotici. Invano.

La ragazzina è tornata a casa con la madre, ma ha continuato a stare male. E’ morta 48 ore dopo l’ultima dimissione dall’ospedale. Adesso sul suo caso è stata aperta una inchiesta per capire che cosa l’abbia uccisa. Si pensa ad una infezione mortale, ma è ancora presto per dirlo.

In ogni caso se così fosse quello di Franchesca non sarebbe il primo caso di morte in giovane età per sepsi o setticemia, causata per lo più da un sistema immunitario non pienamente funzionante o da un fisico debilitato dall’età o da malattie infettive.