Cronaca Europa

Robert Maudley, il detenuto più pericoloso del Regno Unito: è da 39 anni in isolamento

Robert Maudley, il detenuto più pericoloso del Regno Unito: è da 39 anni in isolamento

Robert Maudley, il detenuto più pericoloso del Regno Unito: è da 39 anni in isolamento

LONDRA – Robert Maudley, 64 anni, noto come “The Cannibal Killer”, ha trascorso nel carcere di Wakefield 14.235 giorni in isolamento, il che significa 39 anni. Maudsley, che nel 1973 è stato condannato per omicidio e in carcere ha u****o tre detenuti, ha iniziato la sua carriera di mostro a Londra, strangolando John Farrel, che l’aveva assunto come gigolò e gli aveva anche mostrato le foto di bambini su cui aveva commesso abusi.

Ancora oggi è considerato uno dei detenuti più pericolosi della Gran Bretagna: trascorre il tempo in isolamento, fa ginnastica un’ora al giorno guardato a vista dalle guardie carcerarie. Maudsley, di Liverpool, nel corso del processo fu giudicato incapace di intendere e ricoverato all’ospedale psichiatrico di Broadmoor.

Il motivo per cui uccise Farrel, affermò all’epoca, era che gli aveva mostrato bambini di cui in precedenza aveva abusato. Nel 1977, mentre era ricoverato a Broadmoore, Maudsley insieme a un altro detenuto, presero in ostaggio un p******o che uccisero nel corso di nove ore. Quando le guardie carcerarie riuscirono a entrare in cella, trovarono la vittima con un cucchiaio conficcato nel cranio e si diceva che Maudsley avesse mangiato il cervello: per questo conquistò il soprannome di “The Cannibal Killer”.

San raffaele

Nato nel 1953, figlio di un camionista di Liverpool che lo pestava senza pietà ogni volta che tornava a casa dall’orfanotrofio cui l’aveva affidato e l’adolescenza di Maudsley è trascorsa tra le case famiglia e gli ospedali psichiatrici.

Nel penitenziario di Wakefield vive in isolamento in una gabbia di vetro, grande come due celle, molto simile a quella de “Il silenzio degli innocenti” dove era rinchiuso il temuto e sadico serial killer cannibale, Hannibal Lecter.

To Top