Blitz quotidiano
powered by aruba

Russia, dispersi 10 ragazzini e 4 adulti. Risalivano fiume in kayak

MOSCA – Sono scomparsi da due giorni dieci adolescenti e quattro adulti russi che mercoledì scorso, 13 luglio, si trovavano nella regione russa di Nizhny Novgorod, a nord-est di Mosca, dove stavano scendendo in kayak lungo un fiume. La notizia della scomparsa del gruppo è stata data dal ministero dell’Interno russo, che ha precisato che non si riesce a contattare il gruppo dalle 11 del 13 luglio.

“I poliziotti, con l’aiuto dei cittadini, dell’amministrazione locale e dei soccorritori, stanno cercando un gruppo di 14 turisti che scendevano lungo un fiume nel distretto di Tonshayevsky“: riferisce la polizia della regione sul proprio sito internet.

Lo scorso 20 giugno una tragedia simile aveva colpito la Federazione russa. Quattordici ragazzini sono morti nel corso di una gita sul lago di Syamozero, nella repubblica di Karelia, regione della Russia al confine con la Finlandia.

Gli organizzatori dell’escursione avevano ignorato l’allerta meteo diffusa in mattinata e avevano preso il largo a bordo di due barche e un gommone. Travolte da una tempesta, le imbarcazioni si erano capovolte. Poche ore dopo la disgrazia è poi emerso che i 47 minori, tutti fra i 12 e i 15 anni, erano “orfani” o figli di famiglie “disfunzionali” in affidamento ai servizi sociali. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta.  Quattro dipendenti del Park-Hotel Syamozero, il campo estivo dove risiedevano i ragazzi, sono stati subito arrestati.

 

 

 


TAG: ,