Cronaca Europa

Salmone dall’Alaska? Un viaggio di 35.400 che passa per la Cina e l’Egitto

Salmone dall'Alaska? Un viaggio di 35.400 che passa per la Cina e l'Egitto

LONDRA – Salmone dall’Alaska? In pochi immaginano che in realtà il prelibato pesce che arriva sulle tavole britanniche fa un viaggio di più 35.400 km partendo da Seattle, passando in Cina, Hong Kong, il Canale di Suez, il Mediterraneo e i Paesi Bassi. Concluso il viaggio di 13 settimane, i salmoni prima di raggiungere gli scaffali dei supermercati dove vengono lasciati sotto il ghiaccio anche per 18 settimane.
Ciò significa, riporta il Daily Mail, che ogni anno tonnellate di salmone prima di raggiungere il Regno Unito vengono spediti in quasi tutto il mondo e tutto questo nonostante la Gran Bretagna, in particolare la Scozia, abbia una fiorente industria del salmone.

Tuttavia, poiché gran parte del salmone viene lavorato e trasformato in piatti pronti, può essere etichettato come “prodotto della Gran Bretagna”. 
E ora molti attivisti alimentari sostengono che per evitare di mangiare cibo lasciato in magazzino per oltre un anno sarebbe indispensabile consumare quello locale.

Il lungo viaggio compiuto dal samone prima di arrivare al supermercato, è emerso da un post di un cliente Tesco su Facebook.
Blazia Thomas, chiedeva:”Perché sul salmone selvaggio venduto da Tesco c’è scritto “prodotto in Cina?””.
Tesco ha risposto che “il salmone viene pescato nelle acque dell’Alaska, ma viene spedito in Cina per il taglio e il confezionamento. Per motivi legali sull’etichetta va visualizzato il nome in cui ha avuto luogo l’ultimo processo di confezionamento”.

L’industria britannica del salmone, pesce preferito dagli inglesi, non è in grado di soddisfare la domanda, per cui viene importato il più economico salmone selvatico pescato al largo delle coste dell’Alaska.
Un tempo, le fabbriche in Alaska congelavano il salmone e lo esportavano in tutto il mondo ma molte fabbriche hanno chiuso dopo l’entrata della Cina nel mercato, che ha manodopera a basso costo. Ciò significa che è più vantaggioso spedire grandi quantità di salmone passando per il Pacifico verso la Cina per la lavorazione.

La tecnica migliore per rimuovere le lische del salmone è a mano, cosa che le aziende cinesi fanno a buon mercato, nei porti come Dalian, sulla costa nord-est. In alcuni casi, il salmone è cosparso di fosfati che aiutano a mantenere umida la carne e quando raggiunge la destinazione finale, sembra fresco.
Una volta confezionato, il salmone viene spedito via Hong Kong attraverso il Golfo di Thailandia, Golfo del Bengala, Mar Arabico, Canale di Suez, Mediterraneo, Canale della Manica e del Mare del Nord nei Paesi Bassi. L’ultima tappa del viaggio comporta un viaggio a Felixstowe, Immingham o Southampton.

Il Seafood Marketing Institute dell’Alaska sostiene che il trasporto di salmoni nel Regno Unito dalla Cina è un bene per i consumatori e l’ambiente; un portavoce ha detto:”Il contenuto di Co2 è meno elevato di quanto si potrebbe pensare; la lavorazione in Alaska comporta un prezzo molto alto”.

To Top