Blitz quotidiano
powered by aruba

Scoiattolo grigio addio: Inghilterra deve eliminarlo perché…

LONDRA – Caccia allo scoiattolo grigio: l’Inghilterra dovrà iniziare a eliminarlo dalle campagne e dalle case, come decretato da un piano dell’UE per “liberarsi” dagli animali invasivi.

Il governo dovrà ora aumentare la sorveglianza e prendere determinate misure per controllare la popolazione di questi animali, ormai aumentata a dismisura. L’obiettivo è togliere il predominio alle specie di scoiattolo americane che sono riuscite a prendere il sopravvento su quelli rossi autoctoni: da 3.5 milioni sono passati ad appena 120.000.

Lo scoiattolo rosso, nativo dell’Inghilterra, un tempo era presente in ogni zona del Regno Unito ma il suo futuro è sempre più incerto a causa dell’invasiva presenza di quello grigio, che si sta espandendo.

Chi possiede un terreno potrà cacciare liberamente lo scoiattolo americano, mentre chi ne possiede uno potrà attenderne la morte; i negozianti hanno altri due anni di tempo per liberarsi di quelli che hanno già in vendita.

Vietato liberare in campagna o in altri luoghi gli animali elencati nella lista UE. Sono 37 le specie di piante e animali identificate come “invasive”, e quindi da eliminare, tra cui il procione, portatore di rabbia, il cervo Muntjac, che distrugge le orchidee e causa incidenti automobilistici, o infine il giacinto d’acqua, una popolare pianta da stagno, che sta impaludando i laghi di Portogallo e Spagna.

Il divieto ha creato scompiglio tra i cultori della botanica, ai quali il governo risponde di spendere miliardi di euro per tenere sotto controllo la situazione. “Stiamo intervenendo su un problema che all’anno costa ben 12 miliardi di euro”, ha detto Karmenu Vella, commissario europeo per l’ambiente.