Blitz quotidiano
powered by aruba

Supermercati Tesco, marchi falsi ai prodotti freschi. E Amazon…

LONDRA – Tesco rinasce cambiando marchio ai prodotti freschi e usando il nome di alcune fattorie fittizie per promuovere la propria carne, oltre a tagliare di molto i prezzi.

La catena più grande dell’ Inghilterra ha recentemente riportato un aumento delle vendite, che potrebbero aiutarla a uscire da cinque anni di declino.

I nomi delle fattorie fittizie, come Rosedene, Nightingale e Woodside, vengono accostati a fantastiche immagini della campagna inglese. Tuttavia, molti prodotti vengono importati da Marocco, Cile e Spagna. Simili strategie di mercato sono state impiegate anche da Aldi e Lidl, che per alcune marche utilizzano nomi di fattorie inventate.

Un portavoce della catena di supermercati ha però commentato: “Le vendite sono salite di molto grazie a questa campagna di marketing. E i prezzi, dall’altra parte, sono più bassi. Fare la spesa da Tesco ora costa il 6% in meno rispetto al 2014. Sono fiducioso che i miglioramenti che stiamo facendo per i clienti creeranno valore a lungo termine per i nostri azionisti”.

Tesco ha deciso di tagliare vouchers e 2×1 per puntare sulle offerte da scaffale. Chi sembra davvero spaventare i supermercati è Amazon, che a Londra ha cominciato a testare il servizio a domicilio alimentare.