Blitz quotidiano
powered by aruba

Svizzera. Cantone paga più tasse per non ospitare profughi

ZURIGO – Gli abitanti di Oberwil-Lieli, nel canton Argovia in Svizzera, sono disposti a pagare più tasse pur di non ospitare profughi nel 2016. I contribuenti della cittadina hanno deciso di versare 290mila franchi al Cantone in modo da non trovarsi costretti ad accogliere i richiedenti asilo.

A dare la notizia è il sito della Tv Svizzera, che nella domenica del 1° maggio scrive che i cittadini del cantone si sono autotassati per non ospitare i 10 profughi che erano stati assegnati alla zona:

“I cittadini hanno accettato una tassa cantonale di 290 mila franchi per evitare di ospitare 10 profughi che il Cantone aveva assegnato loro. La votazione verteva in realtà sul preventivo 2016, contro cui era stato lanciato un referendum, e in cui la somma era inserita. Rifiutandolo, con 579 voti contro 525, i cittadini hanno indirettamente detto no ai richiedenti.

La decisione non è tuttavia definitiva: il Municipio deve ora presentare un nuovo preventivo. Oberwil-Lieli, ricco comune di circa 2100 abitanti, era balzato alla cronaca lo scorso autunno quando il sindaco e neo consigliere nazionale UDC [partito di destra, ndr] Andreas Glarner aveva affermato alla tv tedesca che il suo comune preferiva pagare che accogliere i profughi, non volendo trovarsi a carico futuri assistiti sociali”.


PER SAPERNE DI PIU'