Blitz quotidiano
powered by aruba

Svizzera, studenti musulmani possono non stringere mano a…

THERWIL – Con una sentenza che ha scatenato scalpore e costernazione nel Paese, gli studenti musulmani in Svizzera non avranno più bisogno di stringere la mano di insegnanti di femminile. Le autorità scolastiche del comune di Therwil, nella Svizzera del nord, nel cantone di Basilea, hanno raggiunto la controversa decisione dopo che due studenti hanno protestato sulla consuetudine svizzera.

Gli studenti hanno sostenuto che la stretta di mano con l’insegnante, se donna, è in contrasto con il loro credo religioso. Hanno affermato che l’Islam non permette il contatto fisico con una persona del opposto, ad eccezione di alcuni familiari diretti.

La decisione ha innescato una protesta in tutta la Svizzera con Felix Mueri, a capo della commissione parlamentare per la scienza, l’istruzione e la cultura, insistendo sul fatto che “stringere la mano fa parte della nostra cultura”.  “Si tratta di un gesto di rispetto e buone maniere”, ha detto al sito di news 20Minuten.

Christoph Eymann, che dirige la Swiss Conference di Cantonal Ministers of Education, nel frattempo, ha dichiarato che “tali eccezioni alle regole non sono la soluzione”. “Non possiamo tollerare che le donne nel servizio pubblico vengano trattate in modo diverso dagli uomini”, ha detto alla televisione svizzera.

Christine Akeret, responsabile del sistema scolastico di Therwil, ha detto ai media che non era soddisfatta della decisione, ma non aveva visto altre opzioni. “E’ difficile quando qualcuno si rifiuta di adottare il nostro stile di vita”, ha dichiarato, lamentando di non aver ricevuto alcun sostegno da parte del Cantone quando lei aveva sollevato il problema con le autorità locali.

Le autorità cantonali di Basilea, che hanno il potere di ribaltare la decisione, non hanno risposto immediatamente alle richieste di un commento.