Blitz quotidiano
powered by aruba

Tiene assorbente interno per 9 giorni e rischia di morire

LONDRA – Ha dimenticato per 9 giorni di togliere l’assorbente interno e quando se ne è ricordata ormai era troppo tardi. Emily Pankhurst, una ragazza di Maidstone nel Kent, ha rischiato di morire per la sindrome da shock tossico provocata proprio dal tampone interno tenuto troppo a lungo. La giovane ha raccontato dall’ospedale dove è stata ricoverata d’urgenza: “Quando l’ho tolto era totalmente nero e poi ho avuto il malore”.

La ragazza che studia criminologia alla University of Canterbury in Kent è rimasta per 3 giorni in terapia intensiva a causa della sindrome da shock tossico provocata dall’aver dimenticato l’assorbente interno per 9 giorni nella sua vagina. Al sito Metro la giovane ha raccontato:

“Quando alla fine ho realizzato di aver dimenticato l’assorbente interno in me l’ho tirato fuori ed era totalmente nero e ovviamente pieno di batteri. Non avrei riconosciuto cosa fosse a parte per il cordoncino. E’ stato orribile, l’ho immediatamente gettato nella spazzatura e mi sono sentita male. Ma giusto dopo mezzora ho iniziato a delirare e la mia pelle era pallida, avevo dolori e mi hanno portato in ospedale in ambulanza, dove mi hanno detto che mostravo i sintomi di una grave sepsi ed ero molto grave”.

 

La Pankhurst è rimasta per 3 giorni in ospedale sotto morfina, per sedare i forti dolori, e la sua storia ha richiamato l’attenzione su questa sindrome che può essere molto pericolosa ed è causata da un’infezione batterica che si manifesta con febbre alta sopra i 39 gradi, vomito, diarrea, dolori muscolari, vertigini e rush cutaneo. L’Nhs, dipartimento della salute britannico, ha dichiarato:

“Il ruolo degli assorbenti interni nella sindrome da shock tossico rimane inspiegato. Una teoria è che se si lascia un tampone nella vagina per molto tempo, cosa che accade con diversi tipi di tamponi interni, può diventare un terreno fertile per il proliferare dei batteri”.


PER SAPERNE DI PIU'